Ansa
Calciomercato

Pjanic e l'addio alla Juventus legato ad Arthur

Il bosniaco in uscita dai bianconeri anche per aiutare i conti. Ma non ci saranno sconti per il Barcellona che deve mettere sul tavolo il giovane brasiliano

La storia di Miralem Pjanic con la Juventus è arrivata a un passo dal chiudersi, ma non ci saranno sconti o svendite. Il centrocampista bosniaco è considerato cedibile da Paratici e sostituibile da Sarri, nel cui gioco non è riuscito a integrarsi prendendosi quel ruolo di regista a tutto campo che è stato Jorginho nel Napoli e nel Chelsea. Attenzione, però, perché non c'è alcuna intenzione di separarsi da quello che rimane un ottimo calciatore se non ci saranno i presupposti dal punto di vista tecnico o finanziario.

Ecco perché l'ipotesi ventilata a Barcellona (club in prima fila su Pjanic) che la Juventus lo possa inserire in una trattativa che comprende anche De Sciglio e il pagamento di 25 milioni di euro per arrivare al laterale portoghese Semedo va considerata più un'ipotesi di lavoro superata dai fatti che una reale prospettiva. Pjanic lascerà quasi certamente la Juventus, ma l'obiettivo è scambiarlo con Arthur, non con un difensore e non a quelle valutazioni.

Gli incastri non sono ancora sistemati e c'è da superare anche la perplessità dello stesso Arthur, che non vorrebbe lasciare il Camp Nou dove è arrivato due anni fa. Messa così, però, l'operazione potrebbe accontentare tutti, dare a Sarri forze fresche a centrocampo, consentire a Paratici di ringiovanire la rosa abbassando il monte ingaggi e alle due società di fare plusvalenze incrociate. Pjanic e Arthur sono infatti profili con una valutazione che può tranquillamente arrivare intorno ai 60 milioni di euro, facendo così tornare i conti sia a Torino che in Catalogna.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti