calcio tv
Ansa
calcio tv
Calcio

Sky, Dazn, Mediaset e Amazon: che apparecchi servono per guardare il calcio in tv

Tanti abbonamenti ma anche tanti dispositivi per non perdersi le partite di Serie A e la stagione delle Coppe europee: con tv, smartphone, computer e set top box, ci sono alternative e rimedi per tutte le esigenze

Quella che inizierà il 13 agosto sarà una nuova stagione per la Serie A in tutti i sensi. Perché oltre alla rincorsa all'Inter campione d'Italia si tratta della prima volta del campionato su Dazn che, a differenza di quanto accaduto negli ultimi tre anni, trasmetterà tutte le dieci gare di ogni turno del torneo. Subentrando a Sky dopo 18 anni, in sostanza, determina un cambio anche nel modo in cui si potranno vedere le partite, col debutto dello spezzatino, che in estrema sintesi passano in via definitiva dal satellite allo streaming.

Sappiamo già che rispetto al passato chi vorrà seguire tutto ciò che accade in campo tra Serie A e coppe europee dovrà sottoscrivere almeno 3 abbonamenti tra Dazn, Sky, Mediaset Infinity e Amazon Prime Video (qui trovate le info dettagliate). Resta da capire, però, come e dove sarà possibile guardare le sfide della propria squadra, perché non tutti sanno come destreggiarsi tra applicazioni mobili, televisore, decoder, smartphone e tutti gli altri dispositivi che permetteranno di seguire la stagione calcistica 2021-2022. Ma andiamo con ordine.

Partiamo con una premessa, già valida negli anni scorsi proprio con l'arrivo di Dazn - servizio a pagamento di video streaming online, sia in diretta che on demand - e i ritardi e blackout nella visione delle gare (frequenti nelle prime giornate e poi molto meno grazie ai progressi della piattaforma, nonostante qualche passo falso nell'ultimo campionato): la sicurezza di godersi le partite passa da una connessione internet in grado di supportare la visione di contenuti in streaming. Nello specifico, la stessa azienda fondata a Londra nel 2015 fornisce indicazioni per accedere al servizio. Con lo smartphone bastano 2.0 Mbps di velocità di download per la risoluzione standard e 3,5 Mbps per l'alta definizione. Per guardare i match in televisione, invece, bisogna salire a 6.5 Mbps per la risoluzione HD e a 8.0 Mbps per la risoluzione HD ad alta qualità video e frame rate elevati.


DOVE E COME GUARDARE LA SERIE A SU DAZN

Restando a Dazn, le gare della Serie A (insieme alla Liga spagnola, la Copa Libertadores sudamericana e altre manifestazioni come la FA Cup inglese e la Major League Soccer statunitense) si possono guardare su smart tv, Apple Tv e Android tv, scaricando l'applicazione dedicata. Chi possiede, invece, un televisore più datato e privo di applicazioni e funzioni smart, può ricorrere al Google Chromecast, piccolo dispositivo firmato Google da collegare al tv tramite l'ingresso Hdmi per trasmettere in streaming le gare dai dispositivi mobili al grande schermo. Ovviamente si può accedere al menu Dazn da smartphone, tablet grazie all'applicazione, mentre chi vuole farlo con il pc portatile può collegarsi a dazn.com. L'ulteriore possibilità è sfruttare la console, PlayStation o Xbox. Da tenere a mente è che un singolo abbonamento a Dazn permette di connettere fino a 6 dispositivi, con la visione in contemporanea possibile su 2 dispositivi diversi (tv e smartphone, per esempio).

L'ALTERNATIVA TIMVISION

L'offerta con cui il broadcaster si è assicurata i diritti per la Serie A (7 gare in esclusiva e 3 in co-esclusiva con Sky) prevede una partnership con Tim, che entro luglio presenterà l'offerta che include la copertura dei 380 incontri campionato su TimVision. I prezzi dovrebbero essere allineati a quelli di Dazn (29,99 euro al mese e promozioni a 19,99 euro mese per chi si abbona dal 1 al 28 luglio), ma con il set top box incluso Tim consente di vedere le partite sul digitale terrestre (come pure il piano B della stessa Dazn, qualora si riscontrassero problemi per la trasmissione in streaming). Tuttavia Tim potrebbe anche presentare offerte più aggressive, inserendo nel pacchetto l'accesso a Netflix e Disney+, aggiungendo così serie e contenuti per bambini. Per ora, però, tutto tace e quindi bisogna attendere le prossime settimane per capire quale carte calerà l'azienda di telecomunicazioni.

COME E DOVE VEDERE I MATCH SU SKY

L'addio del canale Dazn su Sky Sport è la prima mossa dell'azienda di proprietà passata nel 2018 da Rupert Murdoch a Comcast. Molto attiva nell'acquisizione dei diritti per altri tornei calcistici e altri sport per offrire nuovi contenuti agli abbonati, Sky consente di vedere le 3 gare di Serie A e 121 dei 137 match di Champions League e tutte le gare di Europa League e della nuova Europa Conference League sia in tv, sia sui dispositivi mobili, grazie a Sky Go, a Sky Q e a Now. Quest'ultimo è il servizio di streaming, senza vincoli né parabola e decoder, con tariffe che dal 1 luglio si dimezzano rispetto al passato (da 29,99 a 14,99 euro al mese), fruibile con Smart Tv Samsung, Lg, Sony, il Now Smart Stick che la soluzione per chi non ha una smart tv oppure non può accedere all'app Now, il Now Box, il box di TimVision, Vodafone TV, Chromecast e Fire Tv. Non mancano, poi, tablet e smartphone Android, iPad e iPhone, PlayStation e Xbox One, pc e Mac. Tante opzioni necessitano di una scelta oculata, almeno per chi dispone di più alternative, perché Now consente di associare fino a un massimo di 4 dispositivi sul proprio account, ma non permette la visione di due eventi sportivi in contemporanea. In tema di libertà di visione in tv, c'è anche Sky Q (che intanto ha rimpiazzato l'app di Dazn con Mediaset Infinity), con tutte le sue versioni dedicate anche a chi non dispone di parabola, alla visione in 4K e al multiscreen in grado di soddisfare un po' tutte le esigenze.

COME VEDERE TUTTA LA CHAMPIONS LEAGUE SU MEDIASET INFINITY E LE 16 GARE IN ESCLUSIVA SU AMAZON

Mediaset e Amazon hanno diversi punti in comune rispetto alla stagione calcistica del prossimo anno. Sono entrambi due servizi di streaming e per i tifosi sono due opzioni per la visione delle gare europee. Nel primo caso con l'app Mediaset si possono guardare 104 incontri di Champions League su un ampio elenco di smart tv, su Mac e pc, su tutti gli smartphone e tablet e sulle console Nvidia Shield e Razer Forge. Nel secondo caso, l'abbonamento a Prime Video (che include diversi altri servizi nei vari settori in cui è attivo il colosso fondato da Jeff Bezos) per 36 euro all'anno consentirà di guardare 16 partite di Champions League. Si tratta delle migliori gare del mercoledì sera che riguarderanno le squadre italiane, da guardare su smart tv, lettore blu-ray, console, tablet Fire di Amazon, iPhone, iPad, smartphone e tablet Android e via Google Chromecast. Da capire se verrà confermato lo streaming dello stesso contenuto su due dispositivi per volta, anche perché il calendario dei match in programma su Prime Video farà gola a tutti gli appassionati, poiché saranno visibili in esclusiva solo sulla piattaforma di Amazon.


Ti potrebbe piacere anche

I più letti