Ma quanto (ci) costano i viaggi di Obama?
La famiglia Obama scende dall'Air Force One (Getty Imagines / Cory Lum)
Ma quanto (ci) costano i viaggi di Obama?
News

Ma quanto (ci) costano i viaggi di Obama?

Il suo record di missioni all'estero ha fatto spendere ai contribuenti americani milioni di dollari. Ma non solo a loro. Basta vedere il caso di Bruxelles. E Roma?

Un viaggio di ventiquattro ore a Bruxelles? Il costo non è modico: otto milioni di euro. E'quello che le autorità del Belgio sborsano per la visita di Barack Obama. Non una cifra da poco. Venti volte superiore a quella che viene spesa nella capitale ogni volta (ed è spesso) che si svolge un summit della UE o della Nato: 500.000 euro.

Ospitare Obama costa molto, molto di più. Perché non arriva da solo, ma si porta dietro un seguito di centinaia di persone, 45 veicoli e 3 aerei cargo. Sono i suoi consiglieri, i membri dell'amministrazione, i funzionari dei dipartimenti, le segretarie e gli addetti stampa, gli agenti della sicurezza, tanti agenti della sicurezza, i militari addetti al protocollo. Tanto più il programma è veloce e complicato e tanto più aumentano i costi per i contribuenti americani e per i locali.

Otto milioni di euro

Nel caso di Bruxelles, sono stati mobilitati centinaia agenti che, insieme ai colleghi americani, devono sorvegliare il presidente nei suoi spostamenti. Il livello di allerta è stato alzato al massimo grado. Un cordone di sicurezza è stato messo 24 ore su 24 attorno all'albergo del centro dove alloggia la delegazione americana.

Uno degli appuntamenti dell'agenda, la visita al cimitero dei soldati americani caduti nella prima guerra mondiale, assume dei costosi contorni spettacolari.

Obama si reca in quel luogo dopo un viaggio di alcuni minuti sul suo elicottero, accompagnato da altri cinque veivoli militari americani. Il convoglio aereo atterra all'aeroporto di Wevelgem, dove ad attenderlo ci sono 30 della 45 macchine corazzate che fanno parte del suo seguito. Obama sale sulla sua per arrivare all'appuntamento con Re Filippo del Belgio e il primo ministro Elio Di Rupo.

schema-viaggi-Obama-1_emb4.jpg

Il suo ritorno a Bruxelles viene accompagnato da alcune decine dei 350 agenti motorizzati che il ministero degli interni belga ha messo a disposizione della visita del presidente Usa. I quali continueranno a vegliare su di lui anche quando Obama parlerà all'università. Poi, mercoledì sera la partenza per Roma. Visita blindata, visita costosa.

E a Roma?

Se nella capitale belga spendono così tanto, quanto costerà il viaggio in Italia? Le cifre non si sanno ancora. Ma è evidente che anche in questo caso si aggireranno attorno ai sei zeri. Basta comparare il programma e le misure di sicurezza decise dalle nostre autorità. Obama arriva a Fiumicino con il suo seguito di uomini e di mezzi (le famose macchine corazzate). Dorme a Villa Taverna, la residenza dell'ambasciatore americano. Giovedì, vede Papa Francesco, Matteo Renzi e Giorgio Napolitano.

Il centro storico sarà blindato. Ci saranno zone rosse in corrispondenza dei luoghi dove si recherà, compresi i Fori Imperiali quando Obama andrà a visitare il Colosseo. Mille agenti e 50 uomini della sicurezza sono stati mobilitati. Speciali unità cinofile ispezioneranno i tombini lungo i percorsi stradali scelti per gli spostamenti del convoglio presidenziale. Il traffico dei mezzi pubblici sarà deviato. Oltre a questi costi, bisogna poi aggiungerne altri. Per esempio, nelle zone rosse, sarà sospesa ogni attività dei venditori ambulanti.

Insomma, ospitare Barack Obama costerà ai contribuenti (e anche ad alcuni privati italiani). Me nulla a confronto di quello che hanno già pagato gli americani per i viaggi del presidente.

Il presidente che ha viaggiato di più

La classifica è stata stilata dalla National Taxpayer Union Foundation, un istituto bipartisan che monitora le spese pubbliche. Obama è il presidente Usa degli ultimi 50 anni che ha viaggiato di più all'estero: 31 viaggi, 63 visite di stato e 119 giorni passati all'estero. Non è neppure a metà del secondo mandato e ha già superato il suo predecessore George W. Bush che si è fermato a quota 28 viaggi, 76 visite di stato e 116 giorni fuori dagli Stati Uniti.

I viaggi di Obama non sono certo un fattore negativo per la politica internazionale degli Usa. Al contrario: sono la prova che questo presidente ha puntato a ridisegnare di persona i rapporti tra gli Stati Uniti e il resto del mondo. Ma, da un punto di vista delle casse statali, per la National Taxpayer Union Foundation, sono un problema.

schema-viaggi-dopo-5-anni_emb4.jpg

Le sole ore di volo necessarie per il viaggio in Europa e per la tappa in Arabia Saudita costeranno più di 6 milioni di dollari (il costo stimato per ogni ora di volo dell'Air Force One è di 228, 288 dollari,aumentato in media di 20.000 dollari rispetto all'anno scorso).

A questo, bisogna aggiungere i costi per le misure di sicurezza a carico dell'amministrazione americana nei paesi in cui fa tappa Obama, quelle per alloggiare le centinaia di persone al seguito, la diaria di tutti i funzionari federali che lavorano in trasferta. Così, ogni missione all'estero diventa un salasso. Per esempio, quello in Africa del 2013 è costato una cifra attorno ai 70-90 milioni di dollari. I due giorni per commemorare Nelson Mandela, 11 milioni di dollari. Insomma, una montagna di soldi, il cui impiego è stato spesso al centro di polemiche.

Troppi viaggi e troppe vacanze

Polemiche che sono diventate vere e proprie accuse di spreco e di uso improprio dei mezzi federali nel caso dei viaggi interni e delle vacanze del presidente e della sua famiglia, insieme o separati. Nel 2012, i repubblicani lo attaccarono più volte quando Obama usava allegramente l'Air Force One per visitare gli stati chiave nella campagna elettorale per la sua rielezione (consuetudine di ogni presidente americano).

Michelle, la First Lady, è entrata nel mirino quando durante le sue vacanze private (come quest'ultime che sta facendo con le figlie e la madre in Cina) si è portata dietro gli agenti della sicurezza (pagati dai contribuenti). Polemiche ci sono anche quando la famiglia Obama (che secondo il giornalista Robert Keith Gray costa un miliardo e mezzo all'anno, più di quanto paghino i britannici per la famiglia reale) va in vacanza unita.

Le ultime vacanze di Natale, durate 17 giorni, trascorse alle Hawaii, sono costate 4 milioni di dollari ai cittadini Usa. 3 milioni e 271 mila dollari per il viaggio di andata e ritorno con l'Air Force One; 258.000 dollari per il trasporto con un aereo cargo delle macchine presidenziali da Washington a Honolulu; 176.000 dollari per l'alloggio dei Navy Seals che sorvegliavano l'esterno del perimetro dell'edificio in cui erano ospitati gli Obama; 250.000 dollari per il rafforzamento delle misure di sicurezza della polizia locale.

Obama ha battuto un altro record: è il presidente che ha viaggiato e ha speso di più per i suoi viaggi nella storia americana.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti