Andrea-Orlando
ANSA/DANIELE MASCOLO
Andrea-Orlando
News

L'antimafia dei professionisti e il contesto sputtanato

L'indagine su presunti contatti dell'imprenditore Bulgarella con Messina Denaro, strumento per aggredire lui e il direttore di Panorama. E La Repubblica...

Nei giorni scorsi vi sarà capitato di ascoltare dai telegiornali la notizia di una serie di perquisizioni ordinate dalla Procura di Firenze nell’ambito di un’inchiesta che ruota intorno a un imprenditore di origini trapanesi, Andrea Bulgarella, e che coinvolge anche il vicepresidente di Unicredit, Fabrizio Palenzona.

I giornali hanno dedicato ampio spazio e rilievo alla vicenda. L’ipotesi di partenza è che Bulgarella abbia investito "ingenti capitali da lui accumulati grazie ai vantaggi ottenuti dai rapporti con l’associazione mafiosa trapanese facente capo al latitante Matteo Messina Denaro" per acquisire, ristrutturare e gestire alberghi in Toscana

Bulgarella è un imprenditore mai finito in carcere che da quasi un quarto di secolo lavora prevalentemente in Toscana. Secondo l’accusa avrebbe ottenuto "indebitamente svariati finanziamenti, agevolazioni e benefici vari, resi possibili in palese violazione della normativa bancaria con operazioni anomale e non trasparenti".

Questa è l’accusa che ha fatto così titolare i giornali: Palenzona indagato: “Favori a un costruttore vicino a Cosa Nostra” (La Repubblica 9 ottobre) o "Unicredit, i favori dei vertici all’uomo di Messina Denaro" (Il Fatto quotidiano, 9 ottobre).

Perché vi annoio con tutto questo? Perché questa vicenda racchiude in sé il peggio del peggio della malagiustizia e del malogiornalismo. Seguitemi con un po’ di pazienza.

Bulgarella, ripetiamo incensurato, non è destinatario con tutti gli altri indagati di alcun provvedimento firmato da un giudice terzo: la perquisizione è un atto di parte, dell’accusa e cioè della Procura. Nessun giudice ha valutato, fino a questo momento, quanto sottoscritto dagli inquirenti. Eppure Bulgarella passa sui giornali oramai simili a ufficio fotocopia delle Procure come una persona già condannata in via definitiva e finisce per essere definito "l’uomo di Messina Denaro".

- In proposito leggete qui la replica puntuale di Bulgarella

La lettura delle 40 pagine firmate dal procuratore Giuseppe Creazzo è illuminante. Vi aspetterete di trovare un’attività di indagine certosina, fior di approfondimenti contabili. Nulla di tutto ciò. C’è molto di peggio, paradossalmente. Perché la Procura fa risalire al 1991, cioè 24 anni fa, l’odore della presunta mafiosità di Bulgarella citando una nota dei servizi segreti dell’epoca (il Sisde) dove si legge: "Si è appreso in via fiduciaria, da fonte di non valutabile attendibilità, che tale avvocato (ne omissiamo il nome, ndr) avrebbe contatti con tale Andrea Bulgarella appartenente con l’intera famiglia ad una cosca mafiosa del trapanese, per conto del quale tratterebbe l’acquisto di immobili di svariati miliardi… il Bulgarella è uno dei più noti e facoltosi imprenditori della provincia di Trapani ed ha esteso i propri interessi anche in Toscana".

E la Procura, a distanza di 24 anni, annota che effettivamente Bulgarella ha sviluppato in Toscana "un’intensa attività nel settore alberghiero". Come ha appurato questo enorme segreto? "Da una sua (di Bulgarella, ndr) intervista pubblicata sul quotidiano Il Tirreno del 4 ottobre 2007".

Vi prego, fermiamoci.

Nel 1991 c’è una fonte del Sisde "di non valutabile attendibilità" che fa sapere come in Toscana ci sia un "barbaro" mafioso alle porte. Eppure non succede nulla. Per 24 anni la Procura di Firenze rimane in letargo, e Bulgarella nel frattempo avvia e chiude decine di cantieri. Non viene sfiorato da alcun sospetto. In Sicilia, dove Messina Denaro viene rivoltato come un calzino da tutte le Procure con sequestri di ogni bene anche lontanamente riconducibile al superboss, Bulgarella non viene coinvolto in alcuna inchiesta.

Nel migliore dei casi la nostra struttura antimafia è un colabrodo, ma non è così. E allora c’è qualcosa a Firenze da capire più a fondo. Vediamo.

I magistrati toscani insistono tantissimo nel loro provvedimento sulla parola "contesto". Con questo strumento linguistico e nell’intento di descrivere il "contesto" si finisce per sputtanare (o forse si tenta di "mascariare"?) persone estranee all’inchiesta. Compreso il sottoscritto, ovviamente non indagato ma sputtanato alla grande.

Per la Procura sono "significativi in tale contesto" (tanto per cambiare) i commenti fatti da Bulgarella "mentre conversa con il direttore di Panorama". Vediamo quali: "Un sms di solidarietà" inviatomi nel maggio 2013 a seguito di una condanna in primo grado per una causa intentata dall’ex procuratore di Palermo "al quale poco dopo Mulè risponde con tono cordiale e spiritoso". E un sms di "complimenti" inviatomi il 12 giugno 2013 dopo l’apertura della procedura "per incompatibilità ambientale avviata dal Csm nei confronti del procuratore di Palermo a causa della mancata cattura di Messina Denaro" in cui Bulgarella mi scrive: "Sei il Messi dei giornalisti, anche a Palermo avevi visto lungo".

Annota la Procura: "Poco dopo è Mulè a telefonare a Bulgarella ed entrambi esprimono soddisfazione e felicità per le disavventure di Messineo".

Ora: se Bulgarella è "l’uomo di Messina Denaro" è certamente l’uomo più cretino al mondo che il boss poteva scegliersi: perché mai, infatti, Bulgarella – che secondo i segugi fiorentini è la proiezione economica del capomafia - dovrebbe esultare per quel provvedimento che rischia di punire e allontanare un magistrato che non avrebbe permesso la cattura del "suo" Messina Denaro, consentendogli di rimanere latitante? In quell’sms, casomai, c’è la prova dell’antimafiosità di Bulgarella e lo schifo (di cui sono testimone diretto) che prova per la mafia.

Ma soprattutto: che cosa c’entra la storia degli sms con questa inchiesta che ruota intorno a finanziamenti bancari alle sue imprese? Che cosa dimostra? Perché inserire il direttore di Panorama nel "contesto"? Penalmente è tutto irrilevante, ma esternamente ha l’effetto di sputtanare un giornalista di una testata scomoda e non allineata.

La Procura di Firenze descrive inoltre un presunto "scambio di favori" tra me e Bulgarella, mai avvenuto, di cui potete leggere i dettagli nell’articolo che segue. Si può ricondurre tutto a un semplice incidente? Per me dentro quelle 40 pagine c’è un inutile rischio di sputtanamento sul quale ho chiamato a intervenire con la massima celerità il ministro della Giustizia, il procuratore generale della Cassazione e il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura ai quali ho inviato il 9 ottobre un esposto-denuncia.

Il decreto della Procura di Firenze rende ancora una volta solare la barbarie che consente (si spera in questo caso non impunemente) di sputtanare soggetti estranei alle indagini. Ma evidenzia ancora una volta l’enorme problema dell’affidabilità dell’Antimafia. È uno strumento delicatissimo in cui sono evidenti alcune falle di professionalità e che altrove (vedi lo scandalo di Palermo, con l’affidamento familistico dei beni confiscati alla mafia) evidenziano una gigantesca questione.

Leonardo Sciascia denunciò nel 1988 i "professionisti dell’antimafia": oggi siamo al capovolgimento di quell’espressione. Nel nuovo secolo si è fatta strada e impera "l’antimafia dei professionisti", quella che facendosi spesso scudo dei martiri lorda e usa la sua funzione per interessi che con la lotta ai boss e ai picciotti di Cosa nostra non ha nulla a che vedere: si costruiscono carriere, si conquista visibilità, si consumano vendette. Bene, io continuerò a denunciare questa antimafia dei professionisti. Perché, detto senza ipocrisia, mi fa schifo.

---------------------------

QUEI COPIATORI DI REP CHE NON SANNO COPIARE

Una delle primissime cose che ci insegnavano alla scuola elementare era il "copiato". Alcuni giornalisti italiani che hanno deciso di non accendere il cervello nella stesura di un articolo, non facendosi sfiorare dal sacro fuoco del dubbio, di mestiere fanno questo: copiano atti giudiziari. Ma sono così sciatti da non riuscire a far bene questa operazione... elementare.

Andiamo con ordine. Nel decreto di perquisizione della Procura di Firenze nei confronti di dieci persone per presunti reati finanziari c’è un passaggio che riguarda il direttore di Panorama, non indagato né mai ascoltato come testimone. Si tratta di una circostanza talmente irrilevante che c’entra con l’inchiesta come un broccolo a colazione da inzuppare nel latte. "Le conversazioni intercettate" si legge "evidenziano anche uno scambio di favori tra il giornalista, direttore del settimanale Panorama, e Andrea Bulgarella".

Poi si afferma: "Nel corso di successive telefonate Mulè chiede a Bulgarella di ospitare una coppia di suoi amici in uno degli alberghi di Trapani e di prenotare per lui una stanza presso l’albergo “Monasteri” di Siracusa dal 21 al 27 di luglio. Bulgarella subito si mette a disposizione del Mulè, ospitando gratuitamente gli amici dello stesso e prenotando per lui nell’albergo “Monasteri Resort” di Floridia per una settimana di luglio (da successive telefonate risulta che Mulè ha soggiornato per sei giorni presso l’albergo pagando, dietro insistenze, la somma di 360 euro ricevendo una fattura pari a 720 euro). In data 8 giugno Mulè lo ringrazia e gli comunica che nel prossimo numero di Panorama un’intera pagina della rivista sarà dedicata all’hotel Monasteri e gli chiede se preferisce che nell’articolo si faccia espresso riferimento anche al gruppo Bulgarella, ricevendo risposta affermativa".

Orbene: quanto all’ospitalità gratuita di miei amici mi limitai a chiedere un consiglio a Bulgarella per una famiglia che doveva recarsi in vacanza in Sicilia. Quanto al resto: ho soggiornato presso l’albergo "Monasteri Resort" di Floridia (Siracusa) dal 21 al 27 luglio 2013. È un falso storico che pagai 360 euro a fronte di una fattura di 720 euro. Pagai infatti per intero l’importo del soggiorno: 360 euro con carta di credito mentre saldai ulteriori 360 euro in contanti e quindi per un totale di 720 euro come da fattura emessa dall’albergo. E d’altronde: che senso avrebbe avuto pagare 360 euro e rilasciarmi una fattura di 720 euro? Sarebbe bastato ascoltarmi per evitare la topica piuttosto che dare la fesseria in pasto alla stampa sciatta e ciclostilata.

L’articolo di Panorama relativo ai "Monasteri Resort" viene pubblicato il 12 giugno 2013 e avviene unicamente sulla base di una valutazione giornalistica rispetto a una struttura di eccellenza (come testimoniato da numerosi altri articoli pubblicati da Il Sole 24 Ore, Corriere della Sera, La Nazione, La Sicilia, il Giornale di Sicilia, Dove).

Il mio soggiorno avviene dopo oltre un mese dalla pubblicazione su Panorama e la mia insistente pretesa di pagare il conto taglia in radice qualsiasi malevola e strumentale ipotesi di uno "scambio di favori".

Andiamo ai copiatori-asini di Repubblica. Che in realtà, quando vogliono, sanno essere molto bravi. Prendete l’articolo del 6 ottobre in cui si dà notizia del rinvio a giudizio di Carlo De Benedetti per la morte da amianto di 13 lavoratori della Olivetti: a Repubblica sono stati così camerieri verso l’editore da omettere nell’articolo proprio il reato contestato, cioè l’omicidio colposo.

Leggiamo adesso Alessandra Ziniti su Repubblica che all’ombra di un titolo sobrio ("Hotel a cinque stelle e favori/I business all’ombra dei boss") scrive: "È sempre ai Monasteri che Bulgarella ospita per una settimana a luglio dell’anno scorso (è il 2013, comunque, ndr) il direttore di Panorama Giorgio Mulè". Mi scuso preliminarmente per l’italiano che segue: "Dove per pagare un conto minimo di 360 euro ricevendo però una fattura dell’importo doppio, 720 euro. Mulè ringrazia e restituisce il favore promettendo di dedicare un’intera pagina del successivo numero di Panorama al Monasteri resort citando il gruppo Bulgarella".

Che cosa si capisce, a parte la lotta titanica della signora Ziniti con la sintassi? Che vi è un "conto minimo" da pagare: falso. Che l’articolo di Panorama sui Monasteri esce dopo il soggiorno nell’hotel: falso. Anche Francesco Viviano, sempre su Repubblica, eccelle nell’arte della manipolazione e della falsità. Lui fa andare i miei amici al Monasteri resort (falso), poi fa soggiornare me e colloca dopo il mio soggiorno la pubblicazione dell’articolo su Panorama.

Alla luce di tanto sacro fuoco su questo inesistente "scambio di favori" si impone un’operazione di autocoscienza. Alcuni giornalisti e collaboratori di Repubblica vengono invitati in resort di lusso o alberghi a cinque stelle in Italia e all’estero, viaggiano per il mondo in prima classe o business, partecipano a eventi fashion con spese totalmente a carico delle aziende. Sono cioè ospiti.

Poi scrivono sul loro giornale articoli e recensioni anche entusiastiche sulla struttura o l’evento. Vista l’indignazione fuori luogo rivelino adesso, gli stessi giornalisti di Repubblica, i cento e cento "scambi di favore" che - loro sì - hanno accumulato in questi anni. Poi, magari, chiedano scusa.

Ti potrebbe piacere anche
ARTICOLI PREMIUM

Sanità alla calabrese

True

I più letti