Musica

X Factor 2014: Emma Morton e Mika dominano la terza serata

Una vocalist scozzese di 28 anni e il finto provino della popstar inglese accendono l'ultima prova prima dei bootcamp

Giudici X Factor

Gianni Poglio

-

Bologna, Unipol Arena. Va in scena il terzo appuntamento con le audizioni che precedono i bootcamp di X Factor. Molti i personaggi che nel bene e nel male hanno conquistato il centro del palco.

Prima fra tutte Bing Bing, affascinante vocalist cinese che studia al Conservatorio di Milano. Incerta alle prese con Beyoncé, talentuosa quando si è cimentata con un frammento de La Traviata.

L'altro evento della serata è stato il finto provino di Mika che per una volta si è messo dalla parte dei concorrenti fingendo imbarazzo e timidezza. Poi, ha sfoggiato una versione a cappella di Happy Ending e si è capito perché di mestiere fa la popstar.  

La puntata era iniziata con un'esibizione in chiave teen idool, quelle delle Nices che già in passato si erano presentate a X Factor. Cantano i One Direction e ottengono quattro sì.


 

Dal punto di vista emozionale una delle performance più convincenti è stata quella di Alessia Guarino, che ha strappato applausi con Secretly degli Skunk Anansie.

Una sorpresa: Nicolò Fumagalli. La sua Mad World dei Tears for Fears ha regalato buone vibrazioni. Dubbi di Morgan sulla sua affermazione "Non ho mai cantato prima in vita mia". Vero? Falso? Alla fine, poco conta. Di sicuro ha talento. 

Dalla Scozia arriva invece Emma Morton, 28 anni, mamma da pochi mesi. Una voce pazzesca e una grande sicurezza sul palco. "Questo è quello che cerco io" dice Morgan. Miss Morton l'x factor ce l'ha. Come il toscano Samuele Secchi abbracciato da tutti i giudici on stage dopo una bella versione di Because the night.

Tra questi ragazzi che hanno animato le tre audizioni ci sono i protagonisti dei prossimi mesi di X Factor. Difficile fare previsioni ora, ma quel che si intravede è una gara divisa tra talenti puri ed artisti, magari dotati di minor tecnica vocale, ma con una personalità forte. Perchè a X Factor la bella voce spesso non basta.






© Riproduzione Riservata

Leggi anche

X Factor 2014: il meglio e il peggio della prima puntata

Talentuosi, stonati, imprevedibili: i protagonisti delle audizioni di Roma

Commenti