Gabriele Antonucci

-

"Quando parte la musica ti sfoghi e ti confessi sul palco raccontando le cose più intime, che neanche diresti a un tuo amico -ha spiegato Vasco Rossi nell’incontro con i fan del 2016 all’Auditorium Parco della Musica di Roma- Le mie canzoni vengono dallo stomaco, dal cuore e dall'inconscio, a volte mi stupisco anch'io per quello che scrivo. Ho puntato fin dall'inizio della carriera sull’onestà e la gente mi ha ripagato per questo”.

Vasco Rossi, nato a Zocca il 7 febbraio del 1952, è esattamente come la sua musica: sincero, diretto, spiazzante.

Ne sono cambiate di cose rispetto a 39 anni fa , dal suo primo concerto del 26 maggio 1979 in piazza Maggiore a Bologna : “Eravamo più noi sul palco che la gente sotto -ha sottolineato Vasco- Avevo convocato per quell’occasione tutti i miei amici a suonare con me”.

Oggi gli spettatori sono aumentati in modo esponenziale, basti pensare che al concerto-evento al Parco Enzo Ferrari di Modena del 1 luglio 2017, ribattezzato Modena Modena Park, erano presenti 220.000 spettatori, record mondiale di spettatori paganti per un singolo concerto.

Dopo aver attraversato l’Italia dal sud al nord l’estate scorsa, il nuovo tour NonStop Live 2019, che arriverà a giugno, farà tappa esclusivamente a Milano (1,2,6,7 giugno alla Stadio San Siro) e Cagliari, con date che verranno comunicate nei prossimi giorni. Escluse le prove tecniche e generali, non sono previsti concerti in altre città.

Da giovedì 8 novembre saranno aperte le vendite per Milano, dove sono attesi 4 concerti, “come minimo” diceva un post di Vasco. Per quanto riguarda Cagliari bisognerà, invece, aspettare ancora qualche giorno.

Le prevendite per i primi 4 concerti di Milano saranno aperte con precedenza di 26 ore per gli iscritti al Blasco Fanclub, che detiene la leadership con oltre 30.000 soci: da giovedì 8 novembre, ore 10.00 a venerdì 9 novembre, ore 12.00. Vendita generale da venerdì 9 novembre, ore 13.00. I biglietti saranno in vendita esclusivamente su Vivaticket.

In oltre 40 anni di attività live non è mai cambiato il senso di appartenenza e di comunanza che si respira in show di Vasco. Quello che fa urlare ai suoi fedeli fan, ad ogni concerto, “siamo solo noi”, mentre “tutto il mondo è fuori”.

I suoi sostenitori, un popolo numeroso, eterogeneo e di ogni età, sostengono che c’è chi è fan di Vasco, e chi non è mai stato a un suo concerto.

In effetti, al di là dei gusti musicali, è impossibile non lasciarsi coinvolgere dal vivo dall’energia e dal carisma di questo moderno sciamano del rock, che a 66 anni compiuti, è ancora un impareggiabile catalizzatore di energia in grado di incendiare qualsiasi platea con un cocktail equilibrato di inni rock e di intense ballad.

Il sapiente contrasto tra ironia e malinconia, unito a un'impareggiabile capacità narrativa, semplice e profonda al tempo stesso, è uno dei cardini della poetica del Komandante.

Le sue sono canzoni, solo apparentemente semplici, nascondono in realtà un duro labor limae per essere perfette come le conosciamo oggi: “Per anni ho sacrificato tutto per scrivere canzoni -ha confessato Vasco-  Se vuoi fare bene una cosa, devi fare solo quello, sacrificando amici, famiglia e situazioni”.

In un’epoca come la nostra in cui la musica, sempre più liquida e deteriorabile, spesso non è altro che un mero sottofondo ad altre attività, le canzoni del Komandante sono entrate sottopelle ad almeno due generazioni di fan, che non lo considerano semplicemente una star lontana e irraggiungibile, ma un impareggiabile portavoce delle loro stesse vite, riflesse come in uno specchio tra le parole dei suoi brani.

Un rapporto speciale e quasi osmotico, che Vasco ha descritto così: "Ognuno ha il pubblico che si merita, la parola fan è riduttiva del nostro rapporto. Con loro ho un rapporto di affinità elettive iniziato nel 1977, noi siamo quelli che vivono di illusioni perché la realtà spesso è dura. Io racconto ciò che sento direttamente, loro si ritrovano nelle mie parole perché le hanno già dentro di loro. Sono la voce di chi non ha voce".

Il rocker di Zocca, nonostante le 66 primavere sulle spalle e i ben noti problemi di salute del 2011, ha ancora oggi una carica invidiabile e una totale padronanza dei suoi mezzi, con un'espressività da consumato performer che lo rende unico nel panorama musicale italiano.

Basta guardare i suoi occhi cerulei, la sua mimica e il modo in cui muove le mani per capire esattamente che cosa sta esprimendo in quel momento, uno scambio assolutamente onesto e diretto con gli spettatori, che si sentono coinvolti in prima persona dalle sue considerazioni sull’amore, sulla società, sui rapporti interpersonali e sugli inevitabili alti e bassi della vita.

A Modena Park, Vasco Rossi ha confermato ancora una volta di stringere saldamente in pugno lo scettro di re del rock italiano.

Una monarchia illuminata di cui, all'orizzonte, non appare alcun possibile successore.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Vasco Rossi: le canzoni che sta provando per il Modena Park

Nella ricca scaletta di 41 brani spunta una chicca come "Ed il tempo crea eroi", mai eseguita prima d’ora

Vasco Rossi : il video e il testo di "Come nelle favole"

Il brano, da oggi in radio, è uno dei quattro inediti della raccolta "VascoNonStop"

Vasco Rossi a Modena Park: i dubbi sollevati da “Le Iene”

In un filmato si mostra l’ad di Live Nation durante un sopralluogo nella location del concerto. Vasco: normale collaborazione

Vasco Rossi compie 65 anni: le 65 canzoni indimenticabili

Per festeggiare il Blasco abbiamo stilato una playlist molto speciale che racconta tutto di lui e del suo straordinario successo

Così Vasco Rossi trasforma la vendita dei biglietti dei concerti

Contro il bagarinaggio online un nuovo sistema nominale, che prenderà il via il 27 gennaio dalle ore 10

Commenti