Gianni Poglio

-

The Rolling Stones by Putland contiene oltre 200 scatti a colori e in bianco e nero delle Pietre Rotolanti, molti dei quali inediti e firmati dal celebre fotografo britannico.

Michael Putland, fotografo inglese che dagli anni Sessanta ad oggi ha immortalato tutti i miti del rock mondiale (John Lennon, David Bowie, Prince, Lou Reed, Led Zeppelin, Pink Floyd, The Clash, solo per citarne alcuni) incontrò per la prima volta gli Stones nel 1963.

Il rapporto professionale e personale che si è instaurato da subito tra lui e il gruppo ha dato vita ad una collaborazione che è proseguita per oltre trent’anni: le fotografie di questo libro, molte delle quali inedite, raccontano la storia di quei trent’anni.

LEGGI ANCHE la recensione di Blue & Lonesome

Le immagini di Putland raccontano i backstage, i tour mondiali e lo stile di vita on the road, le feste esclusive e i rapporti con altri artisti e musicisti di quel periodo. Il suo punto di vista privilegiato testimonia anche i momenti più intimi e privati e raccontarne il contesto.

Il libro (edizioni Lullabit, Bologna), contenente oltre 200 fotografie, è disponibile con due diverse copertine: Mick Jagger o Keith Richards, le icone portanti di questa storia.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Rolling Stones: escono le leggendarie registrazioni mono

Dal 30 settembre i cofanetti di vinili 180 grammi e cd. In tutto 186 canzoni delle pietre rotolanti come non le avete mai sentite prima

Rolling Stones: lo spirito del blues rivive in Blue & Lonesome - Recensione

Un disco old style realizzato in tre giorni a Londra. Tra gli ospiti, Eric Clapton, presente in due brani. Imperdibile

Commenti