Teho Teardo e Blixa: il duo che ha conquistato l'Europa - Intervista

Originalità e talento: l'artista tedesco e il compositore italiano sono il caso musicale dell'anno

Teho Teardo e Blixa Bargeld – Credits: Ufficio stampa

Gianni Poglio

-

A Barcellona, dove si sono esibiti nei giorni scorsi, al Primavera Sound Festival, la fine della loro esibizione è stata salutata con una standing ovation (GUARDA ). 

Un evento che fa parte di un evento ancora più grande, quello dell'incontro tra il compositore italiano Teho Teardo (sono sue le colonne sonore dei film Diaz, Il Divo, Lavorare con lentezza, L'amico di famiglia, La ragazza del lago) e Blixa Bargeld, tedesco, fondatore degli Einsturzende Neubauten, oltre che chitarrista dei Bad Seeds di Nick Cave.

Hanno inciso tra il 2013 e il 2014 un album Still smiling e un Ep, Spring, entrambi bellissimi ed ispirati. Dischi che continuano a vendere copie anche sull'onda del successo dei live show in Europa. Potremmo definirlo così il loro incontro: uno splendido dialogo virtuoso tra artisti, tra la voce e le capacità interpretative di Blixa e il gusto raffinato per la sperimentazione sonora di Teardo.

Incontriamo Teho a Milano, comprensibilmente soddisfatto per tutto quello che sta avvenendo intorno a un progetto che piace e convince. Nei loro brani non ci sono trucchi pop o ammiccamenti: solo idee originali, voglia di osare e tanta creatività

"Blixa l'ho incontrato per un progetto teatrale, Ingiuria, a cura della Societas Raffaello Sanzio. Poi ci siamo rivisti mentre stavo scrivendo la colonna sonora del film Una vita tranquilla e mi è venuta voglia di coinvolgerlo. Blixa si esprime in inglese, tedesco ed italiano. Insieme abbiamo inciso una canzone A quiet life. Finito il lavoro, lui mi ha chiesto: perché non facciamo un album noi due?. La mia risposta è stata: quando si comincia?" ricorda Teho.

"Volevamo fare un album di canzoni ed è proprio quello che abbiamo realizzato. Da quando è uscito Still smiling, nel 2013, ha preso vita un'onda di entusiasmo che non accenna a fermarsi" prosegue. "In Spring abbiamo inserito una cover di Crimson and clover, brano pop straordinario di una band chiamata Tommy James and The Shondells. Abbiamo fatto più di 50 date in Europa e la reazione a quel brano è sempre la stessa: tutti lo riconoscono dopo due note. La gente va a casa dopo la nostra esibizione e ha ancora quel motivo in testa. Non se ne va più" racconta Teho. 

"Dietro Crimson and clover c'è una storia straordinaria. La canzone infatti è stata pubblicata in una versione grezza in cui c'è un cambio di tonalità nella seconda parte. Un cambio che non è voluto, ma è dovuto a un problema di velocità del nastro originale. Ai tempi le radio mandarono in onda quella versione, che poi è diventata un singolo di successo. Mi piace suonarla alla fine degli spettacoli perché è uno stacco totale dalla nostra dimensione cameristica. L'abbiamo incisa in inglese, ma anche in italiano. La cosa bella è che Blixa l'ha cantata in italiano anche alla Union Chapel di Londra".

Già, la lingua. Mi scusi, per esempio, uno dei pezzi forti dell'album è quasi tutto in italiano. "Eppure" spiega Teho "piace tantissimo anche in Germania. Spesso gli artisti italiani dicono che la nostra lingua è un ostacolo per andare al di là dei confini. No, non è così, tutto dipende da chi canta e da come canta. Detto questo, potete immaginare la mia faccia quando Blixa si è presentato in studio con quel testo (che in una strofa recita: "Mi scusi, mi scusino! È cosi rudimentale il mio italiano, facevo latino a scuola a un livello cavernicolo"). Per scriverlo ha lavorato con un germanista italiano che vive a Berlino. Blixa è estremamente pignolo, non lascia al caso nemmeno il minimo dettaglio.

GUARDA IL VIDEO DI MI SCUSI

"In Come up and see me, uno dei brani di Still Smiling, Blixa parla di una foresta di antenne. Sono le decine di migliaia di antenne della tv che popolano i tetti delle case di Roma. Un pomeriggio ci siamo trovati di fronte a questa foresta durante un aperitivo sulla terrazza di un albergo non lontano da casa mia".

Canzoni nate senza una traccia precisa, che non sono inquadrabili in un genere e in in trend. "Abbiamo sempre lavorato insieme tra Roma e Berlino. Una cosa piuttosto singolare in un tempo in cui ci si scambiano file via Internet. Noi no, ci siamo sempre visti. E con grande piacere" spiega.

Cambiamo tema: gli Einstuzende Neubauten, il gruppo che ha inventato il suono industrial moderno: "Sono persone curiose che non giudicano mai, tengono sempre delle possibilità aperte. Non hanno pregiudizi". E Blixa? "Uno degli uomini più intelligenti che io conosca. L'intelligenza è un elemento determinante quando si somma al talento. Naturalmente Blixa ha anche dei lati di estrema durezza che fanno da contraltare ad una dolcezza straordinaria. Noi siamo amici, facciamo le vacanze insieme. Viviamo in un clima speciale da invasione di campo costante. Ed è bello così...". 

IN CONCERTO: 6 giugno Lerici (La Spezia); 12 luglio Ferrara

© Riproduzione Riservata

Commenti