Micol De Pas

-

L'ultima volta che aveva composto musiche per un western, Ennio Morricone lo aveva fatto per Il buono, il brutto e il cattivo: sono passati oltre 40 anni da quella colonna sonora diventata simbolo delle grandi cavalcate nell'Ovest.

Ora, dopo quattro decenni, il compositore italiano  ha messo a segno un altro colpo geniale: The Hateful Eight, ovvero le musiche per il nuovo film di Quentin Tarantino

Il risultato? Un trionfo ai Golden Globes 2016 per la miglior colonna sonora.

"A 87 anni ha realizzato una colonna sonora fantastica" ha dichiarato Tarantino. "Non ci sono dubbi, lui è il mio compositore preferito". 

Il loro primo incontro sul tema risale a qualche tempo fa. Fu proprio durante il Festival del Cinema di Roma nell'edizione del 2013 che Morricone consegnò un premio alla carriera al regista americano, per il film Django Unchained, omaggio ai western italiani degli anni 60. Poi è giunta l'ora non solo di un western a stelle e strisce, ma anche di una collaborazione, appunto, tra Ennio e Quentin.

Un evento: il grande maestro delle colonne sonore traduce in musica le scene e la storia visionaria di un grande maestro del cinema. E se è vero che le precedenti colonne sonore dei film di Tarantino si sono accreditate come grandi successi musicali, a cominciare da Pulp Fiction fino al recente Django Unchained, questa si appresta ad entrare nel mito.

La storia, ambientata qualche anno dopo la Guerra civile, comincia con il viaggio di una diligenza che attraversa il Wyoming. A bordo, il cacciatore di taglie John Ruth e la fuggitiva Daisy Domergue, diretti alla città di Red Rock. Probabilmente non raggiungeranno mai la meta, mentre diverse avventure si avvicenderanno durante una sosta forzata, a causa del maltempo, in un rifugio montano, insieme ad altri sei personaggi. A narrare musicalmente le vicissitudini degli otto viaggiatori pieni di odio, impersonati da Samuel L. Jackson, Kurt Russell, Jennifer Jason Leigh, Walton Goggins, Demián Bichir, Tim Roth, Michael Madsen e Bruce Dern, sono i brani di Ennio Morricone.

© Riproduzione Riservata

Commenti