Steve Lukather: la chitarra dei Toto incanta Milano

Sold out e applausi al Blue Note. Stasera si replica

9) TOTO - TOTO XIV (nella foto Steve Lukather) – Credits: Robert Shanahan

Gianni Poglio

-

Ne ha presi tanti di applausi, ieri sera al Blue Note di Milano, Steve Lukather, il leggendario chitarrista americano, cofondatore dei Toto. Nonostante la location dall'impronta chiaramente jazz, quello di Lukather è stato uno spettacolo rock a tutto tondo. Lukather, chitarra e voce, era accompagnato da una sezione ritmica all black e da un tastierista virtuoso. Il cuore della setlist sono statai i brani del suo ultimo album solista, Transition (molto bella ed intensa, Creep motel), un disco arricchito dalla presenza di grandi musicisti come Nathan East e John Pierce, ed amici come Chad Smith dei Red Hot Chili Peppers e Phil Collen dei Def Leppard.

Senza nulla togliere ai brani originali, il clou della serata è stata una torrida versione di Purple Haze, il classico di Jimi Hendrix, riproposto in versione suoper adrenalica. Notevole anche Song for Jeff dedicata all'amico (Jeff Porcaro) e batterista dei Toto scomparso nel 1992. Come solista il chitarrista dei Toto è obiettivamente tra i migliori del mondo. Non suona mai note inutili o troppo veloci, ha feeling, gusto melodico e tanta tecnica. Almeno pari alle dimensioni della gigantesca pedaliera con cui dirige i suoni della sua chitarra. E la voce? Non è un cantante dal'estensione clamorosa, ma fa quel che serve. e, dove non arriva la voce, ci pensa la chitarra con quel suono che lascia il segno da 35 anni.

Steve Lukather live solo

© Riproduzione Riservata

Commenti