Gabriele Antonucci

-

Ha destato unanime cordoglio, non solo nel mondo scientifico, la scomparsa di Stephen Hawking, morto mercoledì 14 marzo all'età di 76 anni nella sua abitazione a Cambridge.

Il grande scienziato soffriva da oltre 50 anni di sclerosi laterale amiotrofica, che lo ha costretto sulla sedia a rotelle per la maggior parte della sua vita da adulto.

Il suo libro Dal big bang ai buchi neri. Breve storia del tempo, pubblicato nel 1988, gli ha assicurato fama mondiale, con 10 milioni di copie vendute in 40 diverse lingue.

Professore dell'Università di Cambridge, Hawking ha ridefinito la cosmologia grazie alle sue teorie sui buchi neri, entrando nei cuori di milioni persone non solo per i suoi studi, ma anche per il suo coraggio, per la sua perseveranza e per il suo brillante humor.

Nonostante la complessità dei suoi studi e i limiti fisici con i quali combatteva, Hawking amava le telecamere, non si sottraeva mai alle interviste ed è comparso in un numero indefinito di documentari, show televisivi, biopics e occasioni pubbliche.

La consacrazione a icona pop è arrivata nel 2014 quando James Marsh ha firmato La Teoria del tutto, il film premio dedicato alla sua vita, dove a interpretare l'astrofisico è stato uno straordinario Eddie Redmayne, giustamente premiato con l'Oscar come migliore attore protagonista.

Non tutti sanno che Hawking, che amava la musica classica (in particolare Poulenc, Brahms, Beethoven, Mozart e Puccini), ha prestato anche la sua voce a tre canzoni rock .

Vediamo quali sono.

1) Pink Floyd - Keep Talking (1994)

The Division Bell, penultimo album nella ricca discografia dei Pink Floyd, ha sempre diviso il pubblico in due: amatissimo dai “gilmouriani” e avversato dai “waterisiani” e dai “barrettiani”, a nostro parere è un disco ricco di episodi felici. Uno dei brani più intensi di The Division bell è Keep talking, dove compare la voce di Stephen Hawking utilizzata in una pubblicità della BT. “Mi sono messo a piangere, è lo spot televisivo più potente che io abbia mai visto”, ha dichiarato David Gilmour a proposito dell'ispirazione della canzone

2) Pink Floyd - Talkin’ Hawkin’ (2014)

“Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è continuare a parlare”. La stessa iconica pubblicità della BT con la voce di Stephen Hawking è stata utilizzata dai Pink Floyd in Talkin’ Hawkin’, una sorta di Keep Talking Part 2., uno dei momenti più emozionanti di The Endless River, pubblicato nel 2014. Il disco, pur non essendo ai livelli dei capolavori dei Pink Floyd, è il degno epitaffio di una storia lunga quasi cinquant’anni, che ha regalato non solo alcuni dei migliori album rock mai realizzati, ma vere e proprie opere d’arte da tramandare di padre in figlio.

3) Stephen Hawking - Galaxy Song (2015)

Due delle qualità più apprezzate di Stephen Hawking sono state lo humour e l’autoironia, come conferma anche questa godibile “cover” di Galaxy Song dei Monty Python, pubblicata nel 2015 come vinile 7 pollici in occasione del Record Store Day, accompagnata da un video tutto da gustare.

© Riproduzione Riservata

Commenti