Musica

Serebro mania

Il sexy pop nell’era di Youtube

Le Serebro: da sinistra, Anastasia Karpova, Elena Temnikova e Olga Seryabkina

«Noi siamo ragazze pop. Non vogliamo sembrare troppo cerebrali» dicono serie. Ma il rischio davvero non esiste. Basta non farsi ingannare dal nome del gruppo, Serebro, che per un gioco d’assonanze, potrebbe far pensare a una qualche forma di musica concettuale.

Elena, Olga e Anastasia, ovvero le Serebro, che in russo significa "argento", sono le protagoniste del colpo grosso dell’estate 2012. Merito di Mama lover, un riempipista pop dance che sarebbe passato sotto silenzio se non fosse per quel video che da settimane ha letteralmente invaso la rete. Nella sua forma originale, ma anche attraverso le migliaia di parodie realizzate in ogni angolo del pianeta e prontamente postate su Youtube.

«Gli uomini che replicano le nostre mosse, sculettamenti compresi, ci fanno impazzire» dice Olga, orgogliosa del clip: 3 minuti di riprese a bordo di una Volvo S60 per le strade di Mosca. Musica a parte, le immagini di Mama lover sono un tripudio di ammicamenti sensuali, mutandine in bellavista, leccalecca ricoperti di preservativi. Non esattamente una produzione chic, ma di sicuro un successo mondiale (anche in Italia Mama lover va forte in classifica e in radio).

E pure un chiaro segno dei tempi. Nell’era della recessione globale e della discografia a corto di budget, il video pop a basso costo lanciato attraverso la rete è diventato un’alternativa agli investimenti promozionali milionari.

Non hanno fatto tutto da sole le Serebro. Regista dell’operazione è un produttore di 44 anni, Maxim Fadeev, boss della Monolit, una delle più importanti etichette russe. Chissà se gliel’ha consigliato lui di dichiarare nelle interviste che «il video è nato per caso», che lo avevano girato per riguardarlo a casa. E invece, «casualmente», è finito in internet cliccato 22 milioni di volte. Parodie escluse.

© Riproduzione Riservata

Commenti