Sanremo 2014, pagelle terza serata - Francesco Renga al primo posto nella classifica parziale

Primo e provvisorio verdetto del Televoto: ultimo Frankie Hi Nrg. Primo Francesco Renga seguito da Arisa e Renzo Rubino

Raphael Gualazzi & Bloody Beetroots – Credits: Ansa

Gianni Poglio

-

La terza serata del Festival ha visto in scena tutti e 14 i Big in gara. Anche se il vero big è stato Renza Arbore con il suo repertorio che ha acceso una platea tradizionalmente spenta. 

A inizio puntata l'omaggio a Claudio Abbado dell'orchestra Filarmonica della Fenice di Venezia

Di seguito, le pagelle del terzo show a cominciare da Giuliano Palma, l'ultimo ad esibirsi. 

Giuliano Palma - Così lontano

Stile e voce inconfondibili. Attacco da rock desertico, ritmo, soul e fiati pulsanti. La sentiremo in radio molto presto perché ha un ritornello che non perdona.  Voto: 6,5 

Ron - Sing in the rain

Il Ron che non ti aspetti in versione folk country. Non è poco in un Festival dove quasi tutti gli artisti si sono un po' nascosti dietro canzoni su misura. Voto: 6

Arisa - Controvento

Sarà stata l'emozione ma nella prima prova il pezzo non era uscito bene come stasera. Dopo questa esibizione salgono le quotazioni di Arisa per un posto nella zona altissima della classifica. Voto: 7

Antonella Ruggiero - Da lontano

La seconda esecuzione del brano conferma che di voci così ce ne sono in giro poche. Brano raffinato e complesso, l'esatto opposto della canzone usa e getta. Voto: 6,5

Noemi - Bagnati dal sole

Arrangiamento moderno e un crescendo da singolo d'alta classifica. Rispetto alla sera d'esordio Noemi è sembrata molto più a suo agio. Voto: 6,5

Riccardo Sinigallia - Prima di andare via

Un tripudio di chitarre acustiche, gusto melodico e ritmica country. Sul palco c'è intesa e si vede. Voto: 6,5

Francesco Renga -Vivendo adesso

Una canzone con la c maiuscola. Dietro c'è il talento di Elisa e si sente. Il resto o fa Renga che ha voce e carisma indiscutibili. Se vincesse non sarebbe poi così sorprendente. Voto: 7

Perturbazione - L'unica 

Una via intelligente al pop. Rispetto alla prima serata un notevole salto di qualità. Voto: 6

Francesco Sarcina - Nel tuo sorriso

Una ballad da airplay rock con tutti gli ingredienti del genere per l'ex vocalist delle Vibrazioni. Ha una sua efficacia ma manca qualcosa per una sufficienza piena. Voto: 5,5

Cristiano De André - Il cielo è vuoto

La canzone d'autore ha un senso quando chi la interpreta ci mette qualcosa al di là della voce. Questa sera De André lo ha fatto e la scintilla si è accesa. Silenzio, parla la musica. Voto: 7

Rapahel Gualazzi & Bloody Beetroots - Liberi o no

C'è vita a Sanremo. Finalmente un pezzo non ingessato, moderno, credibile. I due sullo stesso palco sono uno spettacolo anche senza cantare. Gran brano con un ritornello che "spacca". Come direbbe Mika. Voto: 8

Renzo Rubino - Ora

Pop energico e tanta personalità. Si capisce che Rubino ha davanti una carriera. Perché ha stoffa e non assomiglia a nessun altro. Non passa inosservato il modo scomposto con cui "aggredisce" il pianoforte. Voto: 6,5 

Giusy Ferreri - Ti porto a cena con me 

Una ballad con qualche buono spunto melodico. Decisamente più a fuoco la performance vocale rispetto all'esibizione della prima sera dopo mezzanotte. Voto: 5,5

Frankie Hi Nrg - Pedala

Ha quel che serve per farsi largo in radio questo pezzo furbetto che miscela reggae, dub, frequenze basse potenti e fiati mariachi style. Voto: 6,5

© Riproduzione Riservata

Commenti