Sanremo 2014, pagelle quarta serata - Cristiano De Andrè canta Fabrizio ed è magia

Una carrellata di cover d'autore. Effetto revival al Sanremo Club. 

Cristiano De André con Fabio Fazio e Luciana Littizzetto – Credits: ANSA

Gianni Poglio

-

Quelle di questa sera sono pagelle alle esibizioni. Una serata di cover non è una cattiva idea, giusto per allentare la tensione da gara e cambiare tono al Festival.

Prima di entrare nel merito dela serata gli ultimi aggiornamenti sul caso Sinigallia: escluso dal Festival per aver eseguito il suo brano in concerto qualche mese fa, l'ex Tiromancino non presenterà ricorso e domani canterà fuori gara. 

Il premio della Critica Mia Martini va a Zibba  mentre il vincitore nelle Nuove Proposte è Rocco Hunt.

- Qui sotto, i voti alle esibizioni del Sanremo Club: 

Riccardo Sinigallia - Paola Turci - Marina Rei - Ho visto anche degli zingari felici

Un gran pezzo firmato da Claudio Lolli. Non era scontato farne una cover con una qualche intensità, ma lo strano terzetto riesce a divertirsi e a divertire. Voto: 7

Giuliano Palma - I say I sto' ccà

Pino Daniele in chiave semi reggae-ska. Lo stile Giuliano Palma. L'effetto finale è pure piacevole e divertente. Voto: 6

Antonella Ruggiero - Una miniera

Omaggio ai New Trolls con un ensemble berlinese che suona utilizzando i tablet. Suoni antichi riprodotti con la più moderna delle strumentazioni. Il resto lo fa la voce della Ruggiero. Voto: 7

Giusy Ferreri - Il mare d'inverno

Con Alessandro Haber e Alessio Boni. Ecco, ci mancava la parte recitata... Dopo Boni attacca Haber e infine arriva Giusy Ferreri che non sfigura alle prese con un classico targato Ruggeri. Voto: 6,5

Renzo Rubino & Simona Molinari - Non arrossire

Gran bella idea cantare Gaber con una vocalist raffinata come la Molinari. Il duetto funziona e regala buone vibrazioni. Voto: 7

Cristiano De André - Verranno a chiederti del nostro amore

Pura bellezza. Un tributo a papà con una canzone senza tempo, così intensa da zittire la sala stampa. A volte, il silenzio non è indiffrenza, ma rispetto. Voto: 8

Raphael Gualazzi Bloody Beetroots e Tommy Lee - Nel blu dipinto di blu 

Che trio. Un pizzico di follia in una serata così ci sta. Ai tamburi Mr Motley Crue che per una volta non ha pestato come un vero metallaro. Risultato? Puro divertimento. Che non guasta mai. Voto: 7

Arisa con Who made Who - Cuccurucucu

Un remake nel complesso fedele all'originale. Passa e va senza grandi sussulti. Sul palco con Arisa la band danese che svolge il compito con diligenza. Niente di più. Voto: 6 

Ron - Cara

Finalmente qualche emozione. Difficile trovare un interprete più adatto per un omaggio a Lucio Dalla. Una parentesi di musica vera. Voto: 7

Francesco Renga con Kekko dei Modà - Un giorno credi

L'evergreen di Edoardo Bennato compie 40 anni ma non li dimostra. Una canzone pazzesca riproposta in una versione non particolarmente ispirata. Voto: 5,5 

A funestare la serata una notizia tragica. Francesco Di Giacomo, la voce del Banco del Mutuo Soccorso non c'è più: è morto intorno alle 18 di oggi in un incidente stradale. Era il leader della stiorica prog rock band italiana. 

Noemi - La costruzione di un amore 

Un pezzo, questo di Ivano Fossati, quasi impossibile da coverizzare. E infatti per quanto Noemi ce la metta tutta il risultato non è eclatante. Voto: 5,5

Frankie Hi Nrg & Fiorella Mannoia - Boogie

L'accoppiata che non t'aspetti per un brano di Paolo Conte. Non si sa per quale bizzarra alchimia, ma il duetto funziona e diverte. Voto: 6

Francesco Sarcina con Riccardo Scamarcio - Diavolo in me 

Una notizia: Scamarcio sa tenere il tempo. Detto questo, la versione del pezzo di Zucchero non convince. Un remake spartano, a tratti persino innocuo. Voto: 5

Perturbazione con Violante Placido - La donna cannone

Mica facile confrontarsi con un un pezzo così pesante. L'incrocio tra le voci funziona dignitosamente e alla fine Viola e il vocalist dei Perturbazione se ne vanno mano nella mano. Voto: 6

© Riproduzione Riservata

Commenti