Gianni Poglio

-

Calcano i palcoscenici dal 1962, hanno scritto alcune delle canzoni più importanti e iconiche della storia del rock, hanno attraversato con i loro dischi e i loro concerti 54 anni di storia.

Gli Stones c'erano quando il '68 esplose in tutta Europa, quando il punk nel 1977 cambiò per sempre l'approccio alla musica, negli Ottanta quando Margaret Thatcher in Inghilterra e Ronald Reagan in America archiviarono il pensiero liberal dopo le utopie dei Settanta.

C'erano quando crollò il muro di Berlino, quando nel 2001 vennero abbattute le Torre Gemelle a New York e ci sono oggi nel'era del terrorismo islamico, testimoni oculari del disgelo tra Stati Uniti e Cuba.

Come dimostra il concerto nell'isola di Fidel Castro, il 25 marzo, all'Avana, davanti a 300 mila persone.

E le pietre continuano a rotolare...

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Rolling Stones: delirio a l'Havana - La scaletta dello show

Mezzo milione di persone per la storica esibizione delle pietre rotolanti. "Cuba, i tempi stanno cambiando" ha detto Mick Jagger dal palco

Commenti