Ricette Rock: Risotto con asparagi Pretty Reckless

Una prelibatezza ispirata alla band newyorkese capitanata da Taylor Momsen.

Taylor Momsen dei Pretty Reckless – Credits: Getty Images 

Andrea Bariselli

-

La voglia di risotto è sempre presente e, almeno un paio di volte alla settimana, va sedata in qualche maniera. Asparagi ed acciughe: ecco un ottimo binomio per un risotto davvero “bono” anzi “bonissimo”. E a proposito di “bono bonissimo”, subito dopo il concerto dei The Pretty Reckless  l’accostamento era quasi obbligato (clicca qui per altre ricette rock ). 

Risotto con Asparagi Pretty Reckless e vai di godimento…

- Ingredienti per 4 persone:

320 gr.di riso Carnaroli

300 gr.di asparagi surgelati (400 gr.freschi)
1 cipolla bianca
½ bicchiere di vino bianco
4 acciughe sotto sale
30 gr.di burro
1 lt.di brodo vegetale
formaggio grattugiato
olio extravergine di oliva.

- Preparazione:

Mettere a lessare gli asparagi.

Tritate la cipolla e soffriggetela in un filo di olio evo.

Spezzettate grossolanamente le acciughe e amalgamatele con il burro.
Tagliate le punte agli asparagi e tenetele da parte, mettete invece nel mixer i gambi e frullateli.
In una pentola mettete a tostare a secco il riso. Unite la cipolla, sfumate con il vino bianco e continuate la cottura allungando con brodo vegetale.
Quando il riso sarà a metà cottura, unite la purea di asparagi e le punte.
Portare a termine la cottura, sempre allungando col brodo.
Spegnete il fuoco, unite il burro con le acciughe, il formaggio grattugiato e mantecate bene.

Se volete, aggiungete al risotto una cremina ottenuta sciogliendo 2 acciughe in 30 gr di burro vegetale.

Il vino consigliato da Vania Valentini:

In questo piatto troviamo la sapidità delle acciughe insieme alla delicata aromaticità e tendenza amarognola degli asparagi. Suggerisco un vino morbido e dai profumi decisi.

Il LUGANA di Cà de Frati fa al caso nostro. Elegante e importante già dalla bottiglia, si presenta al calice con un bel giallo paglierino dai riflessi dorati. Al naso è floreale, fruttato, minerale con le sue note iodate, ma anche speziato. Invitante e inebriante. Al palato è morbido, dall’acidità viva, esuberante, avvolgente, e dal finale sapido. Persistente e piacevolissimo, invita al riassaggio. 

Da servire ad una temperatura di 8-10 ° circa.

© Riproduzione Riservata

Commenti