Musica

Queen: esce "Queen Forever" l'11 novembre

Così si chiama il nuovo album che contiene l'atteso duetto Freddie Mercury - Michael Jackson

Mercury Jackson

Micol De Pas

-

Il titolo è già una dichiarazione: Queen Forever. Certo, non c'era bisogno di ribadire l'immortalità della band, ma questo cofanetto, in uscita all'inizio di novembre, è davvero un must have. Ecco perché.

Freddie e Michael. Duetto attesissimo è quello tra Freddie Mercury e Michael Jackson su "There must be more to life than this". La canzone fu  scritta da Freddie Mercury durante la registrazione dell’album Hot Space (1981). Poi Mercury coinvolse Jackson nella registrazione, ma non si arrivò a una versione definitiva. La canzone comparve poi in Mr Bad Guy dei Queen, ma in versione solista. E ora per la prima volta, prodotta e remixata da William Orbit, arriva la backing track dei Queen con le voci dei due grandi insieme.

Due sorprese. Altri due inediti completano il nuovo disco, Let me in your heart again, che arriva dalle sessioni di registrazione dell'album  “The Works” (del 1984), ma rimasta chiusa in un cassetto. 30 anni dopo, la voce di Freddie Mercury è affiancata da nuove registrazioni di Brian e Roger per quanto riguarda le parti di chitarra e le backing vocals. Il secondo è una nuova versione di Love Kills, primo lavoro solista di Freddie Mercury, frutto di una collaborazione con Giorgio Moroder nel 1984.

Un viaggio nella storia della musica. La track list del nuovo disco torna indietro fino al 1974 con “Nevermore”, una canzone di Freddie Mercury in origine inclusa in Queen II. Dello stesso anno la power ballad “In The Lap Of The Gods”, il gran finale di tutti gli show dei Queen nel tour del 2014 con Adam Lambert.l singolo “You’re My Best Friend”, scritto dal bassista John Deacon, mostra il lato pop dei Queen ed è uscito nel 1975 dopo la mega hit “Bohemian Rhapsody” raggiungendo la Top 10 in Uk e la Top 20 in USA. “Long Away” del 1977 resta l’unico singolo dei Queen che vede Brian May alla voce, e la b-side dello stesso anno Drowse include una rara performance dei Queen con Roger Taylor alla chitarra.
 
I Queen salutano gli anni 70 con hit memorabili come “Somebody To Love”, nella memorabile versione eseguita dai Queen con George Michael al Freddie Mercury Tribute Concert nel 1992, e l'indimenticabile “Crazy Little Thing Called Love”, un pezzo rockabilly esuberante composto da Freddie Mercury a Monaco.
 
Nelle decadi successive la band ha sovvertito tutte le regole, abbracciando funk, hard rock, soul e pop, suonando sempre e inevitabilmente Queen, anche con l'uso dei synth (per la prima volta nel 1980), di inusuali sassofoni, fino ad arrivare ai pezzi più recenti tra cui “These Are The Days Of Our Lives”, #1 nel 1991 e “Too Much Love Will Kill You” del 1995, oltre alla storica “A Winter’s Tale”, registrata da Freddie Mercury nel 1991 durante la sua ultima recording session a Montreux.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Freddie for a day: oggi la giornata mondiale dedicata alla voce dei Queen

L'evento precede di quattro giorni la pubblicazione di Queen live at Rainbow '74

Commenti