Musica

Orphaned Land: Unsung Prophets & Dead Messiahs - Recensione

Il grande ritorno della heavy metal band israeliana. In concerto in Italia il 14 marzo a Voghera e il 15 a Roma

636457511119216428

Michela Vecchia

-

Solitamente quando si parla di correnti all’interno di un genere musicale complesso e diversificato come l’heavy metal la prima cosa che viene in mente è la frammentazione, generi che nascono da altri generi, o che se ne distaccano e prendono le distanze. Ma è stato più e più volte dimostrato, soprattutto nell’ultimo decennio, che il metal è un mondo sì composito, ma estremamente unito. Non deve quindi stupire la definizione di Oriental Metal data alla band israeliana Orphaned Land. Anzi, in realtà sono essi stessi che definiscono in questo modo la loro musica. Sono una formazione di lunga data, attiva dal 1991 sulla scena internazionale. Da poco hanno sfornato un nuovo album, Unsung Prophets & Dead Messiahs, anticipata dall’uscita del singolo Like Orpheus con la partecipazione di un noto singer tedesco, Hansi Kürsch dei Blind Guardian.

Suoni epici d'Oriente 

L’andamento è epico, ma i tratti orientaleggianti contribuiscono a un sound unico nel suo genere. Chi non è avvezzo a questo tipo di sonorità forse non ricorderà niente di simile, anche se in realtà sono diversi i gruppi che si approcciano al metal e che non provengono dall’Occidente. SOAD (System Of A Down), ad esempio, pur essendo nati e cresciuti negli Stati Uniti, hanno ben presente le loro origini armene che fanno capolino sia nella musica sia nei testi.

Per gli Orphaned Land le sonorità sono il biglietto da visita. Tanto che nel 2015 sono stati scelti per rappresentare Israele nel padiglione dell’Expo 2015 di Milano, una scelta inusuale che dimostra come il metal sia arrivato dappertutto. Gli Orphaned Land non sono semplici da descrivere, vanno più che altro ascoltati e visti, ma soprattutto letti e capiti, perché il loro messaggio è universale. Unsung Prophets & Dead Messiahs contiene citazioni importanti, come l’utilizzo del mito della caverna di Platone, l’uscita dall’oscurità.

Special Guests

L'album vede la partecipazione di ospiti illustri, non solo Hansi Kürsch alla voce nel brano già citato, ma anche un bellissimo solo di chitarra ad opera di Steve Hackett in Chains Fall To Gravity. Per gli Orphaned Land, quindi, il metal è unione non divisione. Il messaggio non è solo verbale ma corredato da fatti concreti: nel 2013 gli Orphaned intrapresero un tour europeo con una band palestinese di supporto, i Khalas. A detta del cantante Kobi Farhi, un buon esempio di coesistenza pacifica. Saranno in Italia per due date, il 14 marzo al Dagda Live Club di Voghera e il 15 marzo al Jailbreak Live Club di Roma.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Iron Maiden mania: dodici classic album in vinile

Dal 19 maggio le ristampe a 33 giri degli album pubblicati tra il 1990 e il 2015

Iron Maiden: trionfo a Rock in Roma - Recensione, scaletta e video

La band capitanata da Bruce Dickinson ha trascinato per due ore di pura adrenalina i ventimila del "Postepay Sound" alle Capannelle

Quando le rockstar internazionali cantano in italiano (vedi i Metallica)...

Da Sting alla band di James Hetfield, passando per i Kiss e Ed Sheeran. Senza dimenticare David Bowie e Louis Armstrong

Lou Reed: quella volta che fece piangere i Metallica

Il risultato fu Lulu, un disco controverso, amato e odiato visceralmente da fan e critica

Commenti