Musica

Ornella Vanoni compie 80 anni

Esce "Più di me più di te più di tutto:": la storia di una carriera straordinaria in tre cd

ornella vanoni

Gabriele Antonucci

-

 

Oggi Ornella Vanoni, la signora della canzone italiana,  compie ottant’anni, il giorno dopo di Leonard Cohen e il giorno prima di Gino Paoli. Gli occhi di lince, il fisico statuario e la voce inconfondibile sono sempre gli stessi, la sua carriera è sempre fortunata e la voglia di esibirsi sopra un palco non l’ha mai abbandonata. “Oggi non m’importa più di cantare bene o male: canto e basta, libera e felice”, ha dichiarato recentemente la cantante milanese in un’intervista.

 
La sua storia personale e artistica si è intrecciata con quella di alcuni protagonisti del nostro spettacolo, in particolare con Giorgio Strehler e con Gino Paoli, i suoi grandi amori, oltre al marito Lucio Ardenzi. Nessuna cantante europea, meglio di lei, ha interpretato il samba e la bossa nova, registrando nel 1976 l’indimenticabile La voglia, la pazzia, l’incoscienza, l’allegria insieme a Toquinho e a Vinicius de Moraes, il poeta brasiliano preferito da Giuseppe Ungaretti. Ornella ha dimostrato nei due volumi degli album Ai miei amici cantautori come le cover, attraverso la sua voce vellutata e suadente, potessero essere superiori ai brani originali. Ne è un mirabile esempio Senza fine, un valzer composto per lei da Gino Paoli, che è diventato un cavallo di battaglia del suo repertorio.  

 
Per celebrare il traguardo degli ottant’anni, di cui sessanta sotto i riflettori, verrà pubblicato domani dalla Sony un triplo cofanetto antologico, Più di me più di te più di tutto, mentre dal 31 ottobre l’artista riprenderà Un filo di trucco un filo di tacco ... l'ultimo tour. Quest’ultimo non sarà solo un concerto, ma un vero e proprio recital, tra musica e teatro, in cui la Vanoni intratterrà il pubblico con le canzoni del suo ultimo album Meticci (Io mi fermo qui), con i suoi classici e con grandi cover, ma non mancheranno gustosi aneddoti, conditi dalla sua proverbiale ironia, sulla sua vita, vissuta senza mai risparmiarsi.

Il titolo è ispirato dal  suggerimento che la mamma spesso rivolgeva a  Ornella da giovane:  mai uscire di casa senza essere perfettamente curata. Sono nove le date in calendario per assistere alle performance della cantante: il 31 ottobre a Conegliano Veneto, il  7 novembre a Bergamo, il  27 novembre a Bologna, il  12 dicembre a Varese, il 18 dicembre a Novara, il 31 dicembre e l’ 1 gennaio a Pavia, il 7 febbraio Padova, fino al gran finale, il 10 febbraio, al Teatro Dal Verme della sua Milano.

 
Disponibile nei negozi fisici e digitali il cofanetto Più di me più di te più di tutto, composto da tre cd, di cui due già usciti precedentemente, Più di me, con il meglio del suo repertorio e con due inediti in duetto con i big della canzone italiana, e Più di te, contenente i grandi successi della nostra canzone. Un’autentica primizia è Più di tutto, una nuova raccolta di inediti che non può mancare nella discoteca dei suoi fan.

 
La Vanoni sta attualmente girando una piccola parte nel film Ma che bella sorpresa di Alessandro Genovesi, dove  interpreta la moglie di Renato Pozzetto e la mamma di Claudio Bisio. Dopo il tour di Un filo di trucco un filo di tacco ... l'ultimo tour sembra che Ornella, su suggerimento dell’amico Paolo Fresu, si dedicherà al jazz, seguendo le orme di Gino Paoli, che si è reiventato come crooner in compagnia dell’inseparabile Danilo Rea. “Il jazz ce l’ho dentro –ha dichiarato la Vanoni- Quello lineare di Billy Holiday, senza ghirigori. Il jazz si può cantare anche a novant’anni”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

U2: perché il mondo si è diviso su "Songs of Innocence"

Il disco gratis ha acceso dibattiti e polemiche. Ma le canzoni sono belle. Molto belle...

Commenti