Nick Cave al cinema nei panni di se stesso

"20.000 days on earth" è il film che vede protagonista il musicista australiano. E ne racconta il lato più intimo

Nick Cave

Nick Cave in una scena del film "20.000 Days on Earth" – Credits: Ufficio stampa

Micol De Pas

-

«Il fuoco sacro dell'ispirazione non scende dal cielo. L'ispirazione è un bisogno che va alimentato». E per spiegare queste sue parole, Nick Cave si racconta in un film, 20.000 Days on Earth, dei registi inglesi Ian Forsyth e Jane Pollard. Acclamato al Berlinale e al Sundance, arriverà in Italia, per sole due serate, il 2 e il 3 dicembre.

Un film evento, salutato dalla critica come il vero spartiacque nel genere bio-pic per il modo in cui è stato realizzato. A raccontare una giornata tipica della vita di Nick Cave è il musicista stesso, che si muove nei suoi luoghi abituali e si confronta con le persone a lui più vicine. A catturare le vicissitudini della sua vita quotidiana, i registi hanno sistemato le loro telecamere nelle stanze della casa dove vive Cave, nella sua auto e nel suo studio londinese.

Ma le 24 ore narrate sono fittizie: realtà e fiction si combinano in un ritratto intenso e poetico del processo creativo dell'artista. Perché unisce narrazioni profonde, momenti di introspezione, vita vissuta con i suoi canali espressivi, la musica e la scrittura. La narrazione è la vera protagonista assoluta del film, che deve il titolo a una frase scritta da Nick Cave sul suo diario: «Ho raggiunto i 20mila giorni di vita».

Così quel "fuoco sacro dell'ispirazione" di cui parla il rocker trova una spiegazione nello srotolarsi della pellicola: «Vado in ufficio tutte le mattine per cercarla. E lì non trovo alcuna distrazione: solo una tastiera e una scrivania». In quel luogo si consuma la vicenda creativa di Cave, quel fiume inarrestabile e multiforme, che sia in solo, con i Bad Seeds, con i Grinderman o con il suo partner di sempre Warren Ellis, con cui firma anche la colonna sonora di questo film. Da non perdere.

20.000 Days on Earth, di Ian Forsyth e Jane Pollard, con (e su) Nick Cave sarà proiettato nei giorni 2 e 3 dicembre nelle sale del circuito Nexo Digital

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le 25 migliori canzoni del 2014 - La classifica definitiva

I brani che hanno lasciato il segno a un mese dalla fine dell'anno: U2, Vasco, Pharrell Williams, Pink Floyd, Hozier e gli eterni Ac-Dc

Commenti