Muse: trionfo in due notti a Torino - video e scaletta dello show

Delirio per la band di Matthew Bellamy 

Muse: Matthew Bellamy

Muse: Matthew Bellamy – Credits: Getty Images

Gianni Poglio

-

I Muse volano alto. Nel senso che della indie band dei primi tempi non c'è più la minima traccia. Quello di oggi è un trio mainstream con un pubblico di massa, una manciata di singoli formidabili e uno spettacolo dal vivo che è una perfetta macchina hi-tech in continua evoluzione. A Torino  hanno intrattenuto la folla per due sere e lo hanno fatto bene. 

Piacciono perché sono intensi i Muse, un'intensità che si coniuga bene con la durezza del suono alternata sapieintemente a grandi aperture melodiche. Lo show è un caleidoscopio di suoni che spaziano dal funky, al punk, dall'hard rock al'elettronica.

Qui sotto, la scaletta del concerto e i video dei fan che raccontano meglio di qualsiasi parola la magia delle due notti sotto la Mole. Buona visione!

Prima parte: Supremacy; Panic Station; Plug In Baby: Map of the problematique; Resistance; Animals; Knights of Cydonia; Dracula Mountain; Explorers, Interlude; Hysteria; Monty Jam; Feelin good; Follow me; Liquid state; Madness; Time Is Running Out; Stockholm Syndrome. 

Sul palco B: Unintended: Blackout: Guiding Light; Undisclosed Desires 

BIS: The 2nd Law: Unsustainable; Supermassive black hole; Survival; Uprising; Starlight.

Muse a Torino - i video

  
© Riproduzione Riservata

Commenti