AKAMUS (Akademie für Alte Musik)
Musica

MiTo, il festival della musica tra Milano e Torino

Cinque appuntamenti da non perdere

A parlare del festival MiTo Settembre Musica, che si snocciola in varie sedi delle città di Milano e Torino, sono prima di tutto i numeri. 208 appuntamenti, 180 concerti di cui 101 di musica classica, 16 di contemporanea, 48 di musica popolare, world music, jazz, rock, etnica e di canzone d'autore. E ancora, 18 tra tavole rotonde, mostre e convegni, dieci spettacoli di danza, otto rappresentazioni in prima assoluta, 33 paesi coinvolti e oltre 2600 artisti coinvolti.

La musica da tutto il mondo, dunque, si presenta tra Piemonte e Lombardia attraverso un'accurata selezione di proposte e 17 progetti creati su misura per il festival. Ecco cinque appuntamenti da non perdere assolutamente.

 

- Hindi Zahra. Per la prima volta arriva a Milano la cantante franco-marocchina accompagnata dalla sua band. Quella che propone è la sua esperienza musicale, o meglio, la sua ricerca personalissima che passa attraverso la ripetizione. Il suo primo tour l'ha portata a viaggiare in tutto il mondo per due anni e mezzo, ma soprattutto a suonare fino allo sfinimento, come in un rituale che culmina nel trance. In seguito, è tornata in Marocco, dove per un anno ha studiato ritmi e suoni locali con il musicista Rhani Krija. Questo il suo tappeto sonoro, ora rielaborato, reinterpretato e personalizzato attraverso contaminazioni jazz e rock nell'album Homeland che verrà presentato in questo concerto. Milano, Teatro Franco Parenti, giovedì 10 settembre ore 22.

- Philip Glass. La storia di Edipo era già nota al faraone Akhnaten. Almeno, questo è quanto sostiene lo scrittore Immanuel Velikovskij nel suo Oedipus and Akhnaten, libro che capitò, all'inizio degli anni 80, nelle mani del geniale compositore Philip Glass. Per lui, una storia meravigliosa, materiale perfetto per essere trasformato nel libretto di un'opera. Così nel 1983 la sua versione, dove i destini di Edipo e quello del faraone si separano tra suggestioni storiche, archeologiche e filologiche, va in scena a Stoccarda. Ora quello stesso progetto torna in due serate, il 15 settembre al Piccolo Teatro Strehler di Milano e il 13 all'Auditorium Giovanni Agnelli di Torino, ma in forma di concerto, accompagnato da una doppia proiezione costruita sui reperti archeologici conservati al Museo Egizio di Torino. In più, per conoscere meglio il lavoroe il pensiero di Glass, verrà presentato il suo libro Parole senza musica, in uscita per Il Saggiatore.

-Stefano Bollani. Ospite al Teatro degli Arcimboldi di Milano, il pianista jazz presenta in anteprima il suo nuovo album da solista: il viaggio dentro un coinvolgente percorso sonoro è garantito. L'appuntamento è per le ore 21 del 16 settembre, mentre alle 17 dello stesso giorno, presso le Gallerie d'Italia in Piazza Scala a Milano il musicista incontrerà il pubblico per un approfondimento sulla sua musica.

- Alexandre Desplat e il Traffic Quintet. La musica del cinema conclude gli appuntamenti di questa edizione del festival con un grande creatore di colonne sonore, Alexandre Desplat. Vincitore del Premio Oscar 2015 per le musiche del film Grand Budapest Hotel, ma già autore di quelle per Il discorso del re, La ragazza con l'orecchino di perla, The Tree of Life e altri ancora, Desplat si esibisce con il suo Traffic Quintet e Alain Plnès al pianoforte. 21 settembre ore 20, Teatro dal Verme di Milano.

- Akademie für Alte Musik Berlin. Per gli appassionati, è un'istituzione: l'Akamus è una delle più importanti orchestre da camera e dal 1982 si esibisce nei maggiori centri musicali di tutto il mondo. Per MiTo propone un approfondimento sulle musiche di Johann Sebastian Bach, di cui eseguirà il Concerto brandeburghese n.5 in re maggiore per flauto, violino, clavicembalo archi e continuo BWV 1050; il Concerto in mi maggiore per violino e orchestra BWV 1042; il Concerto in la minore per violino e orchestra BWV 1041; e la Suite in re maggiore n. 3 per orchestra BWV 1068. Special guest, la violinista Isabelle Faust. Venerdì 18 settembre, Sala Verdi del Conservatorio di Milano, ore 21.


Il programma completo del festival Mito cliccando qui


© Riproduzione Riservata

Commenti