Musica

Tutto Michael Jackson in un libro: il mito, la musica, le controversie

A dieci anni dalla morte del Re del Pop, il libro di Gabriele Antonucci racconta la vera storia dell'uomo e dell'artista

MICHAEL JACKSON

Gianni Poglio

-

Sono passati dieci anni dal 25 giugno 2009, quando il mondo si è fermato per piangere l’improvvisa scomparsa di Michael Jackson, l’unico artista in grado di eccellere nel canto quanto nel ballo. La definizione di Re del Pop, per Michael Jackson, suona un po' riduttiva e semplicistica, vista l'enorme influenza che il cantante ha avuto e che ha tuttora anche in altri generi musicali, oltre che nel modo di concepire i video e gli show.

Impareggiabili la sua genialità nel costruire un vero e proprio mondo intorno a ogni canzone, la sua capacità di creare brani senza tempo come Man in the mirror, Thriller e Billie Jean, di innovare i suoni, di creare dal nulla un immaginario che è entrato profondamente nella cultura pop.

In occasione dei 10 ani della sua scomparsa, la Hoepli ha pubblicato il libro Michael Jackson. La musica, il messaggio, l'eredità artistica, scritto da Gabriele Antonucci, che ha dedicato diversi articoli al cantante.

Il libro è divisi in 10 capitoli, corredati da numerose foto a colori, 32 box di approfondimento su singoli argomenti, cronologia e citazioni. Due aspetti che lo differenziano da altri volumi, spesso troppo prolissi, sono proprio quelli musicali e quelli del messaggio insito nella sua musica (si pensi all’attualità, nel 2019, di Black or white o di Earth Song), in luogo di una narrazione troppo spesso legata agli aspetti scandalistici, processuali e di gossip.

La musica, il messaggio, l’eredità artistica parte dall'infanzia povera di Michael a Gary, dalla scoperta del suo talento che lo rende, a soli otto anni, un bambino prodigio, dai primi concerti con i Jackson Five fino al successo mondiale con la Motown, che fa scoppiare la "Jacksonmania". La rottura con l’etichetta e il passaggio alla Epic portano a un nuovo gruppo, i The Jacksons, e a un nuovo stile musicale, più funk e maturo.

L'incontro magico con Quincy Jones lo conduce al "trionfo a metà" di Off The Wall, ma il riscatto è dietro l'angolo con i successi eccezionali di Thriller, l'album più venduto di sempre, e di Bad, caratterizzato da un sound più rock e audace.

Jackson diventa il Re del Pop, rivoluziona il videoclip, scrive l'inno benefico We Are The World, partecipa ai film Captain Eo e Moonwalker e si rifugia nell'oasi dorata di Neverland. Gli anni Novanta rivelano un cambiamento di stile con il rivoluzionario album Dangerous. 

Arrivano anche i primi problemi legali con Jordan Chandler, l’attività benefica della fondazione Heal The World, il matrimonio con la figlia di Elvis Presley e con l'infermiera Debbie Rowe, l'album-kolossal HIStory, lo scontro con i media e la gioia dei figli. Gli anni Duemila sono segnati dall'insuccesso di Invincible e dal doloroso processo Arvizo, dove viene scagionato da tutti i capi di accusa.

Il 2009 avrebbe dovuto segnare il suo ritorno in grande stile con il tour di This Is It a Londra, ma la morte improvvisa ha messo la parola fine alla sua straordinaria avventura umana e artistica.

Divulgativo e insieme rigoroso, Michael Jackson. La musica, il messaggio, l'eredità artistica offre una visione articolata dell'artista e dell'uomo, chiarendo gli aspetti controversi, analizzando la discografia, raccontando aneddoti poco conosciuti e i rapporti con altri big della canzone come, ad esempio, Madonna, Prince e Paul McCartney.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Dieci anni senza Michael Jackson - Le 15 canzoni indimenticabili

I capolavori indimenticabili del Re del Pop, morto il 25 giugno del 2009. Da "Thriller" a "Smooth Criminal"

Dieci anni senza il Re del Pop: i 5 album indispensabili di Michael Jackson

Da "Off the wall" a "HIStory", i cinque capolavori imperdibili del compianto artista di Gary, morto il 25 giugno 2009

Commenti