Giovanni Ferrari

-

Arriva con una slitta, cantando It's beginning to look a lot like Christmas. Manca un mese esatto al Natale e Laura Pausini è felicissima di presentarci il suo ultimo disco, "Laura Xmas", all'interno di Disneyland Paris. Glielo si legge negli occhi: per lei il Natale è un momento importante ("L'ho sempre vissuto in famiglia, mia mamma fa albero e presepe e mangiamo sempre cappelletti e lesso") e questa volta ha voluto esaudire un suo grande, grandissimo, desiderio, "realizzare un disco con le canzoni della tradizione natalizia e farlo in chiave swing", come ci ha spiegato. Detto, fatto. E il risultato è un progetto davvero inedito e affascinante. 

"Ho passato il mio ultimo Natale a Disneyland a Orlando ed è proprio lì che ho pensato al disco (che volevo fare da quindici anni)", ha confessato la Pausini. Così, la cantante ha chiamato Patrick Williams, con il quale ha prodotto "Laura Xmas". Il grande compositore americano ha fatto le musiche del disco, e le ha presentate alla Pausini con una demo di una corista che le cantava in versione pop: "Ma io non ho voluto farle così. Quando facevo pianobar ho imparato ad adattarmi alle richieste del pubblico. Il mio cavallo di battaglia era New York New York, ma mi chiedevano spesso Ella Fitzgerald. Così, ho voluto fare la maggior parte dei brani in versione swing". 


"Dedico questo disco a chi non è felice, a chi è solo. Ci sono molte persone che sono sole anche nel giorno di Natale. Io, quando ero più piccola, andavo con le mie amiche a cantare nell'ospizio di Solarolo (il paese in cui è cresciuta, ndr) anche per questo motivo", ha spiegato. Questo disco, in effetti, pur non avendo come primo motivo di creazione nessun tipo di pretesa educativa o morale, arriva però a lanciare un messaggio di speranza non indifferente, importante (determinante) in un periodo così confuso e violento: "L'importante è sforzarsi di capire le differenze e smetterla di creare dei muri. Non se ne può più". E ancora una volta si ha l'impressione che si tratti di molto di più che un semplice "album di Natale".

A stimolare la Pausini nel chiedere alla casa discografica di realizzare questo disco è stata anche - e soprattutto - sua figlia, Paola (che ora ha tre anni): "L'ho fatto anche per lei. Ieri l'ho portata a fare un giro nelle attrazioni di Disneyland". 

Per questo progetto non sono previsti concerti dal vivo, anche perchè la cantante è ancora impegnata a Miami per le ultime puntate live del talent La Banda (nel quale riveste il ruolo di giudice), ma ci sarà un appuntamento con il pubblico italiano: "Il 15 dicembre registrerò in prima serata su Canale 5 un programma con Maria de Filippi. Si chiamerà Laura Xmas Special Party, canterò il disco per intero, con tanto di ballerini e orchestra dal vivo. Sarà davvero emozionante". 

• Santa Claus is coming to town • #laurapausini #lauraXmas #disneylandparis #bellissimo @laurapausini

Un video pubblicato da Giovanni Ferrari (@giovanniferrar) in data:


E già che parliamo di televisione, la Pausini ha confermato la volontà della Rai di fare una seconda edizione di "Laura&Paola", il fortunato varietà di Rai1 con Paola Cortellesi (andato in onda lo scorso aprile). "Mi piacerebbe farlo ma sicuramente non riusciremo nel 2017".

A inizio del prossimo anno la Pausini si fermerà un po', "ho bisogno di tornare a vivere con tranquillità per scrivere, per fare un nuovo disco". E ancora: "Non so come sarà, ma sicuramente farò una tournée e mi piacerebbe tornare nei palazzetti per raggiungere tutte le città d'Italia". È anche per questo motivo che smentisce la sua presenza a Sanremo di quest'anno: "Sarò in giro per il mondo per incontrare un po' di autori. Non sarò in Italia ma lo seguirò sicuramente".

Infine, un appunto sulla brutta pagina di attualità del secondary ticketing: "Ci vuole un modo per dare una regola a questo disastro. Io penso che sarebbe utile fare i biglietti nominali. In certi paesi è così, e vedo che funziona".

© Riproduzione Riservata

Commenti