Gabriele Antonucci

-

La La Land, pur privato in modo tragicomico della vittoria dell'Oscar come miglior film, continua a trionfare al box office e nei negozi di dischi.

La colonna sonora originale, oltre ad essersi aggiudicata due Oscar per la miglior canzone(City of star) e per la migliore colonna sonora(La La Land original soundtrack), è di gran lunga il vinile più venduto negli Usa nel 2017.

Realizzata quasi completamente da Justin Hurwitz, compositore che il regista Damien Chazelle conosce fin dai tempi dell’Università di Harvard, una collaborazione che aveva già funzionato molto bene in Whiplash e Guy and Madeline on a Park Bench, la soundtrack di La La Land, contiene 15 tracce, di cui 7 strumentali, suonate dallo stesso Hurwitz in uno stile piacevolmente jazzato, più che realmente jazz, con ampie concessioni al pop anni Cinquanta.

-LEGGI ANCHE La La Land: 2 Oscar alla colonna sonora e alla miglior canzone

Tutti i testi delle canzoni sono stati scritti da Benj Pasek e Justin Paul, specializzati in composizioni per musical teatrali e serie televisive, tranne l'energica Start a fire, eseguita e scritta da John Legend, uno dei migliori artisti r&b di oggi, che ha anche partecipato al film con un piccolo, ma significativo cameo.

La La Land, interpretato da Ryan Gosling ed Emma Stone, coppia cinematografica ormai collaudatissima, è un poetico invito a seguire le proprie passioni(nel caso dei protagonisti, il jazz e la recitazione), suggerendo che non può esserci sogno senza sacrifico e che le storie d'amore più importanti non sono necessariamente quelle che finiscono bene, ma quelle che hanno fatto emergere il meglio di noi.

-LEGGI ANCHE Le 50 colonne sonore più belle di sempre

Tornano alla classifica dei vinili più venduti in Usa, stilata dalla Nielsen, saltano all'occhio due considerazioni.

La La Land soundtrack, pur prima di gran lunga nelle vendite dei primi 3 mesi dell'anno, è stata acquistata da 25.000 appassionati del vinile: un numero incoraggiante, ma pur sempre risibile, se paragonato a quelli con numerosi zero dello streaming audio e video o, rimandendo sul formato fisico, al tanto vituperato cd, che ancora tiene, soprattutto nelle fasce più adulte.

Il tanto sbandierato ritorno del vinile, utile per infarcire articoli grondanti di retromania e per solleticare l'ego degli hipster viniledipendenti, c'è, ma è ancora circoscritto a un numero ancora troppo ridotto di utenti, sebbene in crescita, per essere davvero ottimisti.

Seconda considerazione: dopo La La Land, i vinili più venduti in Usa nel 2017 sono Legend di Bob Marley e Back to Black di Amy Winehouse, ovvero una raccolta del padre del reggae pubblicata per la prima volta nel lontano 1984 e il miglior album della compianta cantante inglese, datato 2006, ovvero 11 anni fa.

Neanche il nuovo idolo del pop Ed Sheeran (fermo a 15.000 copie con Divide) e il lanciatissimo duo hip hop Run The Jewels con l'eccellente Run The Jewels 3 (14.000) riescono a scalzare due artisti morti, rispettivamente, nel 1981 e nel 2011.

Vediamo la top ten completa dei vinili più venduti in Usa nel primi 3 mesi dell'anno.

1. La La Land Soundtrack (25,000 copie)
2. Bob Marley and The Wailers – ‘Legend’ (16,000)
3. Amy Winehouse – ‘Back to Black’ (16,000)
4. Ed Sheeran – ‘÷’ (15,000)
5. Run the Jewels – ‘Run the Jewels 3’ (14,000)
6. The Killers – ‘Hot Fuss’ (14,000)
7. The Beatles – ‘Abbey Road’ (13,000)
8. Ryan Adams – ‘Prisoner’ (13,000)
9. Twenty One Pilots – ‘Blurryface’ (13,000)
10. The xx – ‘I See You’ (13,000)

© Riproduzione Riservata

Commenti