Simona Santoni

-

Foriero di gravidi ricordi, oggetto affascinante del passato, il jukebox festeggia 125 anni di vita. Era il 23 novembre 1889 quando veniva installato il primo jukebox al Palais Royale Saloon di San Francisco, per allietare la serata di musica. Per ogni canzone, un nichelino, tanto che Louis Glass, che lo ideò insieme a William S. Arnold, chiamò quella macchina che dispensava note "nickel-in-the-slot player". Venne chiamato jukebox solo più tardi, a partire dagli anni '40 negli Stati Uniti.

Costruito dalla Pacific Phonograph Company, era costituito da quattro tubi simili agli stetoscopi dei medici, collegati a un fonografo elettrico Edison, montato all'interno di una cabina di legno di quercia. La musica poteva essere ascoltata attraverso uno dei quattro tubi di emessione. Fu la base di quello che da lì a poco sarebbe diventato un apparecchio mitico, che ha fatto ballare e portato allegria o emozionanti a note a generazioni di giovani e non solo. 

In questa galleria fotografica immagini d'epoca al ritmo del jukebox.

© Riproduzione Riservata

Commenti