Musica

Gemitaiz non si ferma più: "Nonostante tutto" è un nuovo successo

Intervista al rapper romano che dopo il disco d'oro con Kepler e il fiume di fans negli instore inizierà il nuovo tour

imgresize.php

Matteo Politanò

-

Nonostante le critiche, nonostante i problemi con la giustizia, nonostante i detrattori, nonostante tutto. Il concetto di Gemitaiz è semplice ed è l'inno di un successo collaudato solido come pochi altri nell'ambiente del rap italiano. Il suo nuovo album, dopo il disco d'oro con Kepler insieme all'amico Madman, viaggia sugli stessi binari che lo hanno portato a sfondare il muro dell'underground prendendosi una bella fetta del mercato discografico.

"Nonostante tutto" è uscito lo scorso 22 gennaio con 16 tracce e collaborazioni con meglio del rap italiano, da Madman fino a Emis Killa passando per Guè Pequeno e Fabri Fibra. Abbiamo fatto una chiacchierata con Gemitaiz, tra un instore e l'altro, per saperne di più: 

Il tuo nuovo disco "Nonostante tutto" sta facendo il pieno in ogni instore...

Rimango sempre sorpreso dalla risposta della gente, cerco di dedicare più tempo possibile ai miei fan, sia sui social che agli instore e stiamo spaccando ovunque, è meraviglioso. 

Alcuni però si sono lamentati di essere stati troppo tempo in fila nei negozi per poi essere liquidati dopo pochi secondi. Cosa è successo?

Ho parlato di questo argomento sulla mia pagina Facebook, volevo fare chiarezza. Mi interessa avere un rapporto limpido e sincero con i miei fan e con chi mi ha permesso di arrivare fino a questi risultati. Come per Kepler anche questa volta c'è stata una meravigliosa risposta di pubblico, agli instore sono venuti in centinaia e per questioni logistiche non posso passare più di tanto tempo con ognuno. L'alternativa sarebbe trascorrere più tempo con qualcuno di loro ma senza dare la possibilità a tutti di salutarci. Dovrei lasciare qualcuno fuori e non voglio farlo! 

Visto che fb mi censura la diretta, ve lo dico così. Grazie a tutti e scusatemi.

Pubblicato da Gemitaiz su Martedì 2 febbraio 2016

Hai fatto uscire un disco che rispetto al tuo primo da solista, "L'ultimo compromesso", risulta più cupo e intimo. Che scelte hai fatto in fase di scrittura? 

Si è vero, c'è più maturità nella scrittura, sicuramente più consapevolezza. La mia vita è cambiata e sono cambiate anche le mie priorità su alcuni argomenti e il modo di affrontarli. Ciononostante resto lo stesso di sempre e questo è quello che mi lega a chi mi segue. Volevo fare un melting pot di diverse realtà musicali anche perché io non ascolto solo rap... 

Dopo gli instore partirai subito con il tour, che spettacolo stai pensando? 

Ho già in mente lo show che vorrei portare in giro per l'Italia, a breve inizieremo le prove con i musicisti e con i tecnici ragionando cosa migliorare dopo le tante esperienze dal vivo degli ultimi anni. Non posso anticipare niente ma chi mi segue può già immaginare che tipo di spettacolo sarà. 

Tra un disco e l'altro trovi anche il tempo di sfornare mixtape. Il tuo filone "Quello che vi consiglio" è arrivato al sesto capitolo. Quando ti fermerai? 

Io nasco dai mixtape e mi sono sempre divertito un sacco a farli, perché smettere? Ho sempre fame di scrivere e quindi non credo che in futuro cambierò i ritmi della mia produttività...

Dopo il disco d'oro con Kepler e il boom nazionale quale risultato vorresti per ritenerti soddisfatto? 

Previsioni non ne ho mai fatte perché odio rimanere deluso! Tuttavia sono contento di come sta andando e di come la gente risponde alla mia musica e di come si ancora al mio fianco: Nonostante tutto


© Riproduzione Riservata

Commenti