Musica

Imany, la Venere del neo soul a Milano, Fabriano e Roma

La cantante francese, ex modella, presenterà in Italia i nuovi brani dell'album "The wrong kind of war"

Imany

Gabriele Antonucci

-

Dalle passerelle delle grandi sfilate di moda ai palcoscenici dei più importanti music club internazionali.

È questa la fortunata parabola di Imany, nome d'arte di Nadia Mladjao che significa “fede” nella lingua Swahili,
una delle voci più interessanti del neo soul, che si esibirà in tre concerti in Italia organizzati da BMU Music Intersuoni e Amadeus srl: stasera sarà all’Alcatraz di Milano, venerdì 28 ottobre terrà uno showcase gratuito al Teatro Gentile di Fabriano (Ancona), mentre sabato 29 ottobre chiuderà il suo minitour all’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Originaria delle Comore, nata in Provenza trentasette anni fa, alta e naturalmente bellissima, la cantante si è messa in luce nel 2013 con l’accattivante singolo You will ever now, che diventa un tormentone estivo di qualità. La sua voce, calda e profonda, ricorda quella di Tracy Chapman, ma è più morbida e rotonda.

Nel 2014 Imany viene scelta per curare la colonna sonora del film francese Sous Les Jupes Des Filles (Sotto le gonne delle ragazze) con Isabella Adjani, Vanessa Paradis e Laetitia Casta, presentato al Festival di Cannes.

Il suo stile personale ed elegante, che coniuga con naturalezza soul, folk, blues e pop, ha trovato il suo pieno compimento nel recente album The wrong kind of war, anticipato dal primo singolo Silver Lining (Clap Your Hands) e trascinato dal remix di Don’t Be So Shy, realizzato dai dj/produttori Filatov & Karas, certificato platino in 15 paesi e costantemente nei pieni alti delle classifiche europee di iTunes, Shazam e Spotify.


© Riproduzione Riservata

Commenti