Gabriele Antonucci

-

Kandace Springs  - Soul Eyes

La cantante, pianista e songwriter Kandace Springs pubblica oggi il suo album di debutto Soul Eyes su etichetta Blue Note. Prodotto da Larry Klein (insignito di più Grammy, già con Lizz Wright, Melody Gardot, Joni Mitchell, Herbie Hancock), l’album si bilancia fra soul e pop, riuscendo nell’intento di fondere le influenze jazz dell’artista con le sue origini, radicate nella tradizione di Nashville. Kandace fa affidamento sulla lezione delle sue eroine Billie Holiday, Ella Fitzgerald, Nina Simone, Roberta Flack e Norah Jones, ma senza imitare nessuno dei modelli. La Springs dosa con sapienza elementi soul, jazz e pop, producendo un moderno sovvertimento fra generi che le permette di rivolgersi a un pubblico eterogeneo. Tra le undici canzoni contenute in Soul Eyes troviamo composizioni originali (alcune delle quali scritte a quattro mani) di Kandace, il classico Soul Eyes e canzoni di Jesse Harris, Shelby Lynne, War e altri. L’album vede Kandace al piano insiene con un cast di illustri personaggi: Terence Blanchard alla tromba, Dean Parks e Jesse Harris alla chitarra, Vinnie Colaiuta alla batteria, Pete Kuzma all’organo, Dan Lutz al basso e Pete Korpela alle percussioni. Languido

Marcus Strickland - Nihil Novi

Marcus Strickland, straordinario sassofonista fra i più acclamati delle ultime generazioni, pubblica il nuovo album su etichetta Blue Note/Revive che, citando una celebre massima biblica, si intitola Nihil Novi. E' lo stesso Strickland ad affermare in proposito: “La gente dovrebbe usare cautela nel definire qualcosa come 'nuovo'. Insomma, per dirla con l'Ecclesiaste, non c'è nulla di nuovo sotto il sole". L'album, co-prodotto da Meshell Ndegeocello (che vi figura anche come bassista), presenta un cast d’eccezione: Keyon Harrold alla tromba, Kyle Miles al basso, Charles Haynes alla batteria, Mitch Henry all’organo e Masayuki Hirano alle tastiere. Il disco vede inoltre come ospiti la cantate Jean Baylor, il bassista Pino Palladino, la già citata Meshell Ndegeocello, il tastierista James Francies, il batterista Chris Dave, il chitarrista Chris Bruce e - per finire in bellezza - la stella della Blue Note Robert Glasper al pianoforte. Contagioso

 Umbria Jazz 2016 – The summer festival

Umbria Jazz, con oltre quarant’anni di storia,  è un marchio conosciuto e apprezzato in tutto il mondo, oltre che un traguardo fondamentale della carriera per qualsiasi artista. Anche la prossima edizione della kermesse presenta un cartellone eterogeneo e dalle molte anime, che prova a sintetizzare i variegati percorsi della musica, presentando al pubblico, oltre che il jazz nelle sue molteplici espressioni, anche pop, soul, blues, ritmi latini e musica elettronica. La doppia raccolta Umbria Jazz 2016 – The summer festival presenta nel primo CD alcuni dei protagonisti dell’imminente stagione della prestigiosa rassegna, tra cui Brad Mehldau, Pat Metheny, John Scofield, Steps Ahead, Ezio Bosso e Massimo Ranieri, ospite speciale con un progetto jazz dedicato a Napoli e presente nella compilation con una splendida versione di Terra Mia di Pino Daniele. Nel secondo CD, invece,ritroviamo alcune tra le più grandi leggende del jazz di tutti i tempi, da Coltrane a Mingus, da Ellington a Miles, da Gil Evans a Satchmo.Oltre 2 ore di grande jazz per celebrare Umbria Jazz, “the summer festival…”. Ricco

 

© Riproduzione Riservata

Commenti