Hyundai Music Awards, il concorso: remixa la Motown e diventa deejay

L'ultimo giorno utile per partecipare è il 22 luglio

Gabry Ponte

Gabry Ponte – Credits: Ufficio Stampa

Tony Romano

-

Torna lo Hyundai Music Awards, giunto ormai alla sua terza edizione. Il concorso che nei due anni precedenti ha già premiato i Violapolvere e i Fuoriorario, è ancora una volta promosso dalla collaborazione di Hyundai Motor Company Italy con la Universal Music Italia e si rivolge prevalentemente a Dj e Producer creativi e talentuosi. La Universal infatti per la prima volta, ha messo a disposizione dei partecipanti 10 storici brani pescati tra il ricco ed affascinante catalogo della mitica Motown, vera e propria fucina di suoni degli anni ’60 e ’70, brani che verranno manipolati, reinventati e riarrangiati in chiave contemporanea.

Partecipare è semplicissimo, basta collegarsi alla pagina Facebook di Hyundai Italia (https://www.facebook.com/Hyundai.Italia ), cliccare ‘mi piace’ e trovarsi direttamente l’elenco dei 10 brani disponibili. Una volta individuato il brano che più piace scarichiamo il file contenente il brano originale e la versione a cappella, indispensabile per realizzare il nostro remix. I partecipanti possono proporre fino a due remix che verranno poi caricati online, sempre attraverso il sito, entro il 22 luglio. La votazione avverrà anch’essa tramite la fan page di Facebook ed alla fine del contest i 10 remix più votati accederanno direttamente all’ultimo step che la giuria finale insieme ad una star d’eccezione come Gabry Ponte, decreterà il vincitore del concorso.

Il premio finale consisterà, oltre che nell'incontro con Gabry Ponte, nella possibilità di vedere pubblicato il brano vincente nella compilation più cool del panorama dance italiano; la FOR DJS ONLY, ma non è tutto. In palio c’è anche la partecipazione al corso di Digital Dj presso una delle scuole più importanti nel settore audio e multimedia, il SAE Institute di Milano. Abbiamo incontrato Gabry, Ambassador del contest musicale, che ha iniziato a fare il dj giovanissimo: ‘Credo ci sia un solo modo di iniziare a fare il dj, e cioè quello di vivere nei club. Io ho iniziato aiutando il dj resident dei locali che frequentavo, cercando di sentire il feeling con la pista. Poi ascoltavo tantissima musica, nuova e vecchia, la cultura musicale cosa che in questo lavoro è importante. Ho mixato di tutto, dagli anni 70 alla musica latina prima di iniziare a proporre la musica che mi piaceva di più’.

Dopo pochi anni, diventato Dj producer e Dj resident nei locali più in voga dell’epoca avviene l’incontro da cui nasceranno gli Eiffel 65: ‘L’esperienza con gli Eiffel è stata l’inizio di un percorso che mi ha aperto delle porte importanti  e che mi ha fatto fare delle esperienze fondamentali. Ho avuto la possibilità di girare il mondo e di conoscere la scena musicale di tanti paesi, in un’epoca in cui internet non era ancora così presente e non aveva ancora globalizzato le tendenze musicali’. Non a caso, Blue, uno dei più grandi successi degli Eiffel è stata inserita nella colonna sonora di Iron Man 3: ‘è stata una grande gioia ma non pensavo però che sarebbe stata addirittura la prima scena del film! Confesso che sentire Blue e vedere sullo schermo il logo della MARVEL è stata una bella emozione’. 

Dismessi gli abiti da giudice ad Amici rieccolo in veste Ambassador per l’Hyundai Music Awards: 'Durante questa nuova esperienza seguirò il lavoro dei partecipanti, i remix in realtà saranno votati dagli utenti di Facebook, mentre la mia selezione per decretare il vincitore sarà fatta insieme ad una giuria esterna e avverrà tra i 10 remix più votati. Quando si valuta un remix di un pezzo storico come in questo caso, visto che i ragazzi hanno a disposizione il catalogo Motown ci sono diversi parametri: il tipo di sound sicuramente, ma anche il concept, ovvero il modo in cui i partecipanti hanno deciso di usare le parti originali e in quale misura, come sono riusciti a fondere insieme vecchio e nuovo’.

© Riproduzione Riservata

Commenti