Musica

Guido Elmi, il video di "Jumi Juju" - Esclusivo

In anteprima su Panorama.it il clip del nuovo singolo del produttore di Vasco Rossi. Tratto dall'album solista, La mia legge

Schermata 2015-11-04 alle 01.59.13

Gianni Poglio

-

Esce oggi il video di Jumi JuJu, secondo singolo estratto dal primo album di Guido Elmi, La mia legge, pubblicato il 22 gennaio 2016. Il clip nasce da un’idea di Guido Elmi, con la regia di Simone Casadio Pirazzoli e Filo Baietti.

La canzone Jumi Juju è dedicata alla bellezza femminile e, per impersonarla, Guido ha voluto fortemente una giovane attrice francese Prescillia Martin che aveva notato nel film Uno per Tutti di Mimmo Calopresti.

Il video narra di una giornata a Bologna, in cui l’attrice è ospite in una casa veramente up to date. Nella clip le immagini di Prescillia sono miscelate alle immagini di Guido che canta in un club accompagnato dalla band.

Tutti i musicisti che hanno partecipato alle riprese fanno parte degli artisti che hanno contribuito alla costruzione dell’album: Vince Pastano (chitarra), Beppe D’Onghia (pianoforte), Piero Odorici (sax tenore), Giorgio Santisi (basso), Max Messina (batteria).

Elmi non ha voluto recitare nelle stesse scene con la protagonista, lei rappresenta per lui l’immaginario della bellezza che non è necessariamente legato a un rapporto reale. Come affermava Oscar Wilde: “La bellezza s’impone per semplice esposizione”.

Il sogno di Guido, produttore musicale di moltissimi artisti italiani, da Vasco Rossi, con cui collabora da oltre 30 anni, a Edoardo Bennato, Skiantos, Stadio e molti altri, si è avverato il 22 gennaio, data di uscita del suo primo album.

Distribuito da A1 Entertaiment e artisticamente prodotto, suonato ed arrangiato da Guido Elmi e Vince Pastano (chitarrista di Vasco Rossi e Luca Carboni), il disco contiene 11 brani, scritti interamente da Guido.

Il mondo musicale di riferimento è quello di grandi artisti come Bob Dylan, Leonard Cohen, Johnny Cash, Nick Cave, Neil Young, Mark Lanegan e Steve Von Till ma anche Adrian Crowley, Bryan Ferry e Serge Gainsbourg.

 “Racconto dei miei amori, delle mie passioni e dei miei fallimenti“ spiega Elmi. “Di quando batte forte il cuore per una donna, del destino, dell’onnipresenza del rischio e delle cicatrici della vita. Con questo album, forse, sono riuscito a tirar fuori quello che sono sotto la pelle: un tormentato incauto e romantico, decadente e velleitario che si ciba della malinconia, dal carattere sensibile ma anche determinato.”

© Riproduzione Riservata

Commenti