Gangnam Style: perché Psy ha raggiunto due miliardi di clic su Youtube

L'incredibile record del brano simbolo del pop coreano

Psy – Credits: Getty Images

Gianni Poglio

-

Il numero è di quelli che lasciano interdetti. Gangnam Style, il motivetto fracassone inventato dal re del K Pop, ovvero il pop coreano, ha toccato i due miliardi di clic su Youtube.

Quanto basta per poter dire (anche se poi non è proprio così) che un essere umano su tre ha trascorso qualche minuto online davanti alla canzone più cliccata di sempre.

Ora che Gangnam style sia stata un'hit contagiosa lo dicono i numeri dei clic che parlano da soli. Non c'è celebrità pop sulla faccia della Terra che non abbia in qualche modo citato il tormentone di Psy e l'inguardabile balletto che lo accompagna. Da Barack Obama a Madonna.

Al di là dei numeri, la canzone non ha niente di bello, proprio nulla. Paradossalmente tutta la sua forza sta nella viralità che si è conquistata. Una viralità che ha prodotto altra viralità tendente all'infinito. Detto questo, bisogna poi dire che cliccare su Youtube è gratis. Gangnam Style è in defintiva una pietra miliare della musica moderna. Ma non per la sua qualità. Che semplicemente non c'è.

Rimarrà in ogni caso e per sempre un caso di scuola perché ha infranto ogni record online. Eppure Psy non ha il peso specifico e nemmeno il portamento di una popstar. Per non parlare dell'immagine. Che "appealing" proprio non è.

Lo ha detto lui stesso in America davanti agli studenti di Harvard: "Non so spiegare che cosa sia successo, credo si sia trattato di un incidente. L'unica spiegazione razionale è che io gli abbia trasmesso gioia, felicità e senso del divertimento. Ci avevo provato per tredici anni e non era successo nulla, poi Gangnam Style mi ha cambiato la vita per sempre".

© Riproduzione Riservata

Commenti