Fred de Palma
Musica

Fred De Palma: ecco “Il cielo guarda te”

È il primo capitolo di un nuovo progetto che “riprende le sonorità di Boyfred ma le porta in un’altra direzione” - Intervista e videoclip

Riflessivo e malinconico. Euforico e sfacciato. Tutto questo è Fred De Palma, uno degli artisti più interessanti di questo momento. Dopo la pubblicazione del suo primo album con Warner Music, “Boyfred” (cd che contiene alcuni successi come Stanza 365 o Buenos dias), il rapper sta scrivendo qualcosa di nuovo. Un primo assaggio è Il cielo guarda te, un brano uscito in radio e nei digital store lo scorso 23 settembre, di cui è già stato pubblicato anche un (bellissimo) videoclip. “È il punto di partenza di un nuovo progetto, che prende un po’ dal vecchio e un po’ dal nuovo”.

Un primo passo per un nuovo percorso…

Sì, e prima dell’uscita del disco pubblicherò altri singoli, a poco tempo l’uno dall’altro.

Hai scritto Il cielo guarda te insieme a Federica Abbate. Come è stato?

Io mi trovo bene raramente a scrivere con altre persone. Con Federica abbiamo scritto il ritornello in un’ora. È stato figo. Questo pezzo è nato completamente in studio e abbiamo registrato tutto in un giorno. Ce l’avevamo già in testa evidentemente.

Quindi sapevi già dove volevi arrivare…

Volevo raccontare una storia che non avevo ancora raccontato in “Boyfred”, ma volevo che avesse una sonorità diversa da quei brani. Io ci tengo molto a questo pezzo, perché è qualcosa di nuovo. Innanzitutto per me. È l’inizio di un nuovo viaggio.


E anche il videoclip, a dirla tutta, si allontana dai canoni tradizionali. Sembra un cortometraggio…

Sì, hai ragione. La scelta è stata incentrata sul voler raccontare qualcosa. Non c’è il classico playback che compare in tutti i video. Anche io, a dir la verità, ero un po’ scettico all’inizio: ho avuto il timore di andare troppo fuori dai canoni. Poi non sai mai cosa percepisce la gente. Ma alla fine sono felicissimo così: volevo fare un video del genere e l’ho fatto. Già questa mi sembra una vittoria. No?

Esattamente. Per i prossimi singoli continuerai su questa linea malinconica oppure coltiverai anche il tuo lato più euforico?

Sono riuscito ad unire entrambe le cose. Era una vita che volevo farlo. Non riesco a spiegarti in che modo: lo sentirai quando usciranno i pezzi. Ma sono felice: sono arrivato dove volevo arrivare.

© Riproduzione Riservata

Commenti