Musica

Festa della donna: 10 canzoni per celebrare l’8 marzo

Capolavori scritti da donne e per le donne, di varie epoche e generi, per festeggiare una giornata speciale

Joni Mitchell

Gabriele Antonucci

-

Vogliamo celebrare l'8 marzo, giornata mondiale della donna, con una playlist di 10 capolavori della musica, composti da donne o ispirati alle donne, ai loro pregi, alla loro bellezza, alle loro fragilità, alle loro contraddizioni e alla loro unicità. 

1) John Lennon - Woman (1980)

Scritta da Lennon sia come ode a sua moglie Yoko Ono che come omaggio a tutto il genere femminile, nell'introduzione della canzone Lennon sussurra «For the other half of the sky...» ("Per l'altra metà del cielo..."), citazione di una massima cinese utilizzata da Mao Tse Tung. L'ex Beatles affermò che Woman era una "versione aggiornata e più adulta" di Girl.

2) Tears For Fears - Woman in Chains (1989)

La canzone, impreziosita dalla batteria di Phil Collins e dalla voce black di Oleta Adams, è uno dei classici del duo, che è tornato da poco sulle scene con il greatest hits Rule the world e con un tour mondiale all'insegna del sold out.

3) Joni Mitchell - A Woman Of Heart And Mind (1972)

Il brano, che lanciò il succeso dell'album-capolavoro For the Roses, descrive perfettamente il carattere sensuale, complesso e tenace di Joni Mitchell: "Sono una donna di cuore ed anima/con il tempo sulle mani e nessun bambino da crescere/Sei venuto da me come un ragazzino/ed io ti ho dato il mio disprezzo ed il mio elogio".

4) Nina Simone - Four Women (1967)

Un brano duro e di protesta sociale, che ebbe non pochi problemi di censura all'epoca, su quattro donne di colore molto diverse tra loro: Sarah, con la schiena piegata, ma non spezzata, dai soprusi; Siffronia, figlia della violenza dell'uomo bianco; Sweet Thing, nome d'arte di una prostituta; Peaches, cosciente e combattente, che non è più disposta a subire.

5) Barbra Streisand - Woman in love (1980)

Dopo l'enorme successo ottenuto dai Bee Gees alla fine degli anni settanta grazie alla colonna sonora de La febbre del sabato sera, la Streisand chiese a Barry Gibb in persona di scrivere un album per lei, e così nacque Guilty, di cui Woman in Love, composta da tutti e tre i fratelli Gibb, fu il primo, fortunatissimo singolo.

6) Chaka Khan - I’m every woman (1978)

I'm Every Woman è il primo singolo di Chaka Khan, pubblicato dalla Warner Bros Records nel 1978, oltre che la prima registrazione della cantante al di fuori dal suo gruppo, i Rufus. Whitney Houston rilanciò la canzone registrando una cover di I'm Every Woman per la colonna sonora del film Guardia del corpo del 1992.

7) Bob Dylan - Just like a woman (1966)

Il brano, che ha come soggetto una figura femminile che si comporta in modo contraddittorio, è stato scritto da Dylan il giorno del ringraziamento del 1965, ispirato da Edie Sedgwick, seducente ragazza di New York che frequentava la Factory di Andy Warhol. La Sedgwick ha ispirato anche Lou Reed per il testo di Femme Fatale, pubblicata nell'album The Velvet Underground & Nico del 1967, conosciuto anche come il "Banana album".

8) Neneh Cherry - Woman (1996)

Figlia di un percussionista della Sierra Leone (Ahmahdu Jah) e di una pittrice svedese (Monica Karlsson, nota come Moki Cherry), Neneh utilizza il cognome del padre adottivo, il celebre trombettista jazz Don Cherry. La canzone Woman è quasi una versione rovesciata di It's a man's, man's word di James Brown: "Questo è un mondo di donne/ Questo è il mio mondo/ Questo è un mondo di donne/ per questa ragazza degli uomini".

9) Bee Gees - More than a woman (1977)

Impossibile dimenticare il leggendario completo bianco, con gilet, pantaloni a zampa di elefante e camicia nera aperta sul petto, che John Travolta indossa nell’iconica scena di ballo de La Febbre del Sabato Sera, in coppia con Karen Lynn Gorney, sulle note delicate di More than a woman dei Bee Gees, una delle canzoni più romantiche e ispirate del trio anglo-australiano.

10) Scorpions - Woman (1993)

Chi l'ha detto che per essere una grande rock band bisogna essere necessariamente inglesi o americani? I tedeschi Scorpions, fondati ad Hannover nel 1965 da Rudolf Schenker e da Klaus Meine, hanno festeggiato nel 2015 lo straordinario traguardo dei 50 anni di attività, segnati da un repertorio vastissimo, suddiviso equamente tra adrenalinici inni rock e ballatone da accendino negli stadi, come la splendida Woman del 1993.

© Riproduzione Riservata

Commenti