Gabriele Antonucci

-

New Orleans è la città che ha contributo maggiormente allo sviluppo della musica popolare del Novecento: dal jazz al blues, dal cajun allo zydeco, fino al rock ‘n’ roll, che ieri ha perso Fats Domino, morto a 89 anni, uno dei suoi indiscussi padrini.

Antoine “Fats” Domino è stato il cantante e pianista che meglio ha incarnato lo spirito meticcio e indomabile della città adagiata tra il fiume Mississippi e il lago Pontchartrain, che neanche l’uragano Katrina è riuscito a cancellare.

Le inflessioni creole della voce di Domino, con il loro fascino esotico, ne hanno agevolato il successo presso un pubblico più ampio rispetto a quella che allora veniva identificata come race music, brutta definizione che allora accomunava tutti i dischi degli artisti neri.

Fats, molto amato anche per il suo aspetto bonario e gioioso, è stato l’artista di maggior successo commerciale negli anni Cinquanta dopo Elvis Presley, piazzando una quarantina di hit nella classifica pop, solitamente riservata ai bianchi.

Il ritmo coinvolgente e spezzato da continui break delle strofe è l’ingrediente che accomuna molti dei suoi maggiori successi, in cui piano e voce si intersecano alla perfezione, ispirando perfino Paul McCartney.

L’ex Beatles ha più volte dichiarato di essere stato influenzato, quando ha composto l’indimenticabile Lady Madonna, dal modo di suonare il piano dell’artista di New Orleans.

Per tutta risposta, onorato della citazione, Domino fece una sua, straordinaria cover di Lady Madonna dei Beatles.

Vediamo insieme, ma soprattutto ascoltiamo le 5 canzoni immortali dell’artista, vere e proprie architravi della storia del rock and roll, tutte da ballare.

1) Ain't that a shame

“You broke my heart when you said we'll part/Ain't that a shame/My tears fell like rain/Ain't that a shame/You're the one to blame”.

2) Blueberry Hill

"The moon stood still/On Blueberry Hill/And lingered until/My dream came true".

3) I'm walking

“I'm walkin', yes indeed and I'm talkin'/About you and me/ I'm hopin'/That you'll come back to me, yeah-yeah”.

4) Walking to New Orleans

“Yes, I'm goin' back home to stay/Yes, I'm walkin to New Orleans/You used to be my honey/Till you spent all my money”.

5) Jambalaya 

“Jambalaya and a crawfish pie and filé gumbo/'Cause tonight I'm gonna see my ma cher amio/Pick guitar, fill fruit jar and be gayo/Son of a gun, we'll have big fun on the bayou”.

© Riproduzione Riservata

Commenti