E’ innegabile che il progetto discografico di Fabi Silvestri Gazzè,  Il padrone della festa,  e il successivo tour siano stati due delle più belle sorprese musicali della stagione 2014/2015. Il 30 luglio 2015 è andato in scena a Rock in Roma l’ultimo concerto congiunto, almeno per un po’ di tempo, dei tre artisti. D’altra parte era stato messo in chiaro fin dall’inizio che la loro sarebbe stata una collaborazione limitata nel tempo, prima di tornare ciascuno alla sua carriera solista, arricchiti da un bagaglio d’esperienze di inestimabile valore umano e artistico.

Tutti e tre hanno realizzato successivamente tre album di successo, Una somma di piccole cose di Fabi, Acrobati di Silvestri e Maximilian di Gazzè, ma chissà che un giorno non decidano, un po’ come Crosby Stills & Nash, di tornare a incrociare voci e chitarre.

Intanto l’11 settembre tutti e tre i cantautori romani si ritroveranno sul palco di Villa Ada per Un Concerto Senza Impegno, ultimo evento della rassegna Villa Ada Roma Incontra in Mondo, nato da un'idea del compositore e produttore artistico Roberto “Lobbe” Procaccini, Enrico "Erriquez" Greppi, leader di Bandabardò, e il fonico Matteo Spinazzè con la collaborazione di OTR Live e Viteculture.

Una maratona musicale, che prenderà il via dalla 19.30, con il meglio del cantautorato italiano dagli anni Novanta a oggi, dove si alterneranno Carmen Consoli, Max Gazzè, Niccolò Fabi, Daniele Silvestri, Fabrizio Moro, Bandabardò, Marina Rei, The Niro, The Bastard Sons of Dioniso, L'Orage, Diodato, accompagnati da Bandabardò, band resident per una no stop di quasi 5 ore, alla quale potrebbero ancora aggiungersi ospiti a sorpresa.

Un Concerto Senza Impegno riunirà per la prima volta tutti insieme quei cantautori che hanno cambiato la musica italiana negli ultimi vent’anni, omaggiando chi ha contribuito a rendere questa rivoluzione possibile negli anni, in particolare gli artisti della scuola romana cresciuta sul piccolo palco de Il Locale.

I biglietti, al costo di 20 euro +dp, sono disponibili su www.booking.viteculture.com. Per maggiori informazioni è consultabile il sito www.villaada.org .

© Riproduzione Riservata

Commenti