Giovanni Ferrari

-

Non riesce a stare ferma un attimo. Dopo la sua esperienza come direttore artistico in questa edizione di Amici, Emma è già pronta a stupire il suo pubblico. Il suo singolo Il paradiso non esiste è uno dei brani più ascoltati in questo periodo, e proprio in questi giorni sta uscendo un'importante collaborazione: la cantante salentina ha registrato Libre, un duetto in italiano e spagnolo con l'uomo-tormentone-dell'estate Alvaro Soler.

L'occasione per lanciare questo progetto sono i Wind Music Awards. E proprio sul palco dell'Arena di Verona, Emma ha presentato Libre lunedì sera (la registrazione della puntata andrà in onda oggi in prima serata su Rai1). L'abbiamo incontrata nei camerini...

Emma, ieri sera hai cantato Il paradiso non esiste, un brano che racconta cosa significa volersi bene veramente. Cosa intendi?

Questa canzone parla di una persona che ha imparato tante cose nella vita, di una persona che ha imparato a cavarsela con le proprie forze. È un brano che mi rappresenta tantissimo e che amo cantare. L’ho scritta insieme a Diego Mancino. Mi ritrovo in tutte le parole che ho scritto. Trovo che sia una canzone molto fresca e divertente. Avevo voglia di cantare davanti alle persone, mi mancava molto esibirmi dal vivo.

Sul palco dei Wind Music Awards presenterai Libre, il tuo nuovo brano con Alvaro Soler. Come è nata questa collaborazione?

È nata in maniera molto spontanea. Ci siamo incontrati lo scorso anno al Coca Cola Summer Festival e ci siamo stati subito molto simpatici. Ci siamo sentiti un po’, avevamo voglia di fare qualcosa insieme. Un giorno mi è arrivata una mail da Alvaro nella quale mi scriveva: “Sono a Los Angeles, mi è venuta questa canzone e come voce femminile ho pensato alla tua”. Mi ha mandato il pezzo, l’ho ascoltato e mi è piaciuto tantissimo. Poi ne abbiamo parlato con le nostre case discografiche: ne erano tutti molto felici. È venuto a Roma, abbiamo registrato le mie parti. Poi ho anche scritto la versione in italiano; era stata registrata anche in spagnolo. È per me una grande avventura. E poi lui è una persona meravigliosa: è bello lavorarci insieme.

È un passo per approdare al mercato latino? Ti piacerebbe?

Non lo so a dir la verità. Questa è semplicemente una canzone con un altro artista. Non mi piace pensare di fare delle cose per poi ottenerne delle altre, non sono il tipo, non calcolo mai niente. Nella mia carriera non ho mai calcolato niente. E fortunatamente sono arrivate tante cose che non mi aspettavo. Se succederà, bene. Altrimenti sono una persona che sa accontentarsi di quello che ha in Italia, ed è tantissimo.


È finito da poco Amici. Come ti sei trovata? Ti rivedremo anche il prossimo anno?

È andata benissimo. Mi sono divertita tanto. Elisa è stata una sorella, una spalla, un’amica, una collaboratrice perfetta. Anche J-Ax e Nek sono stati meravigliosi. È stato un bellissimo percorso, faticoso, perché abbiamo lavorato tantissimo. E come ti dicevo prima, non progetto mai niente, quello che sarà sarà. Sicuramente in questo momento la cosa che mi importa fare è prendere in mano la mia carriera, voglio pensare ai miei concerti dal vivo, e vorrei già lavorare al prossimo disco. Credo che mi dedicherò molto a me stessa in questo momento.

Il tuo disco "Adesso" è uscito lo scorso novembre. Il tour partirà il prossimo settembre. Una scelta importante e insolita aspettare tutti questi mesi...

Sì, è stata una scelta coraggiosa. All’improvviso è arrivata questa richiesta per Amici. Elisa voleva farlo, e io con lei, e quindi entrambe abbiamo messo da parte i nostri impegni personali e artistici per fare questa cosa nella quale crediamo molto. Siamo felici dei progetti che sono venuti fuori, vedi Sergio, Elodie, Lele, La Rua. È stato un lavoro davvero faticoso. È un gesto coraggioso ma anche il gesto di due persone che quando decidono di affidare il proprio tempo agli altri lo fanno davvero con le mani pulite. Però non vedo l’ora di partire per il tour. Sarà una tournée molto importante, anche qui ho deciso di fare scelte molto coraggiose, sicuramente mi vedrete in un aspetto molto insolito. E non vedo l’ora perché mi manca.

Puoi già anticiparci qualcosa?

No, un po’ per scaramanzia, un po’ perché stiamo lavorando giorno per giorno in questo progetto: in questo momento è la cosa più importante che ho. E la voglio proteggere. Quando sarà il momento vi racconterò tutto.

© Riproduzione Riservata

Commenti