Emma lancia "Dimentico Tutto". Parla il suo produttore

Dal 21 giugno in radio e dal 22 con il videoclip, il secondo singolo estratto da "Schiena". Il brano, scritto da Nesli, arriva a poche ore dal primo grande traguardo: l'album ha venduto oltre 60 mila copie, è disco di platino.

Alessandro Alicandri

-

Stando al suo Facebook, Emma Marrone in questo momento è al mare, ma il suo album di inediti "Schiena" continua a vivere il suo destino di successo. Arrivano in queste ore molte buone notizie: il disco ha venduto oltre 60 mila copie guadagnando la certificazione di platino, mentre "Dimentico tutto" è ufficialmente il secondo singolo estratto dal 21 giugno con un nuovo videoclip pubblicato il 22 in anteprima su Vevo. 

Oggi avremo la possibilità di analizzare meglio questo bel momento per lei e il nuovo singolo grazie al suo produttore, Brando.

Da 10 settimane "Schiena" è tra i 10 album più venduti in Italia e dopo aver vinto la sfida da capo squadra di "Amici" portando in finale i due allievi più meritevoli e di maggior talento (Moreno e Greta) ritorna al suo percorso di artista in attesa delle 14 date del nuovo tour che ci accompagneranno dal 14 novembre fino alle prossime vacanze natalizie, per la prima volta nei palazzetti di tutta Italia.

Il risultato più interessante, almeno così sembra dai dati forniti da Earone, è che ha guadagnato la fiducia di molte radio. La trasmettono con forza e una frequenza mai viste, dai network locali (che in verità sono stati i primi a sostenerla da sempre), fino al grande offerto dalle grandi radio a diffusione nazionale. Il primo singolo, "Amami", è ancora da tre mesi una hit.

Il secondo brano scelto per promuovere questo progetto, come dicevamo, è "Dimentico tutto", canzone scritta per lei da Nesli e Niccolò Bolchi (che già da tempo lavora con il giovane cantautore) e particolare perché vede per la prima volta la cantante confrontarsi con una parte rappata. Interessanti sono le parole di Brando, che ringraziamo per la sua disponibilità, per raccontare la nascita di questo pezzo:

"La collaborazione tra Emma e Nesli è stata molto naturale, da veri amici. Fin dall'inizio questo pezzo, pensato per lei, mi è sembrato perfetto. Poi ho cercato di dargli un'atmosfera blues, con tanta batteria e moltissime chitarre acustiche. L'arrangiamento è un po' ruspante, mi sembrava il modo migliore per presentare un testo semplice e con una forza speciale. È questa un po' l'idea che ruota intorno all'intero disco".

Il videoclip della canzone è di Luca Tartaglia, un giovane videomaker (che ha lavorato anche al videoclip cult "La fine") e che per la prima volta lavora a un video di Emma. Ecco come Brando ci racconta questo lavoro, molto diverso dal clip di "Amami":

"Qui lei è molto libera, mostra un po' tutte le sue anime, da quella più militaresca a quella femminile, per poi passare all'inedita anima rap. Il videoclip, ispirato alle atmosfere anni '90, ricorda un po' Gwen Stefani e tutta quella ripresa estetica delle pin up con un look rockabilly. L'idea è che qui fosse un po' più patinata e anche un po' più fresca nell'immagine".

Ci siamo lasciati con una nota personale interessante:

"Con Emma abbiamo un rapporto bellissimo. È una ragazza in pieno sviluppo e bisogna credermi se dico che Emma è ancora all'inizio, con le sue potenzialità può dare ancora tantissimo. Stiamo lavorando insieme perché questa ragazza possa avere visibilità anche all'estero. Per me e per molti fan Emma è una musicista, non una starlette come a volte viene erroneamente percepita. L'ho conosciuta quando lavoravo con i Modà e a un certo punto ho lasciato tutto per lei. Il pop dev'essere fatto dall'artista e dalla canzone. Il vero segreto per avere successo con un disco è prendersi dei piccoli rischi. Avere come autore  Nesli, curioso per una cantante, è stata una scelta dettata da pochi ragionamenti e più che altro dalla spontaneità. Ed è quello che si sente nel disco ed è quello che lei è, da sempre, nella quotidianità".

© Riproduzione Riservata

Commenti