Gianni Poglio

-

Eddie Vedder non è solo i Pearl Jam, la band di cui è il frontman. Fuori dal gruppo Vedder non ha inciso molti brani, ma tutti di grandissima qualità. Basti pensare alla colonna sonora di Into the wild o alla sua ottima prova solista, Ukulele songs.

Dal suo repertorio senza la band abbiamo selezionato cinque canzoni bellissime che meritano di essere ascoltate e che magari saranno nella scaletta dell'unico show italiano a Firenze il 24 giugno.

Vedder ha contribuito alla colonna sonora di I am Sam reinterpretando You've got to hide your love away dei Beatles. Nel 1996 ha preso parte all'ultimo concerto dei Ramones, cantando insieme al gruppo l'ultima canzone, Any Way You Want It. 

Nel 2003 ha voluto partecipare alla creazione di un album tributo ai Ramones, We're a Happy Family, cantando due canzoni: I Believe in Miracles e Daytime Dilemma (Dangers of Love) accompagnato dagli Zeke.

LE CINQUE CANZONI CULT DELLA CARRIERA SOLISTA

1) The Long Road (feat. Nusrat Fateh Ali Khan)

Un gioiello tratto dalla colonna sonora di Dead Man Walking. Una ballad "desertica" impreziosita dalla presenza di Nusrat Fateh Ali Khan, cantante e musicista pakistano che ha inciso album bellissimi per la Real World di peter Gabriel. 

2) Guaranteed

Dalla soundtrack di Into the wild un brano acustico di rara bellezza ed intensità. Il brano ha vinto un Golden Globe Award nel 2008 per la miglior canzone originale. 

3) More than you know

Dal disco solista Ukulele songs il remake di un pezzo scritto nel 1929 da Vincent Millie Youmans, compositore e produttore di spettacoli a Broadway. Nel 1975 Brabra Streisand la interpretò per la colonna sonora di Funny Lady.

4) Longing to belong 

Sempre da Ukulele Songs, una canzone di grande qualità ed ispirazione accompagnata da un video che immortala vari elementi della natura con Vedder che si aggira tra onde, distese d'acqua e foreste. 

5) Better Days

Voce potente e visonaria, chitarra acustica e ritmica incalzante per questo capolavoro "nascosto" contenuto nella colonna sonora di Eat, pray love.

© Riproduzione Riservata

Commenti