Eddie Van Halen: il guitar hero compie 58 anni

Tra i suoi classici indimenticabili Eruption, Panama e Jump

I Van Halen sulla cover di Women and children first

Tony Romano

-

Era il 1978 quando uscì il primo omonimo disco dei Van Halen. Un disco incredibile che ha stravolto la storia della musica rock vendendo oltre 10 milioni di copie. Undici tracce straordinarie, cariche di energia e novità tra cui Eruption, un pezzo strumentale con un assolo epocale che avrebbe  cambiato per sempre il modo di suonare la chitarra.

Perché la storia si può anche scrivere in un solo minuto e quarantasette secondi. Il giovanissimo Eddie Van Halen in quel momento aveva scoperto il ‘tapping’ una tecnica chitarristica che sebbene fosse stata già usata nell’Ottocento da un altro virtuoso come Niccolò Paganini, venne elaborato e perfezionato dall’innovativo musicista olandese. E proprio oggi, 26 gennaio, il pioniere Van Halen compie 58 anni, vissuti intensamente con la musica come grande protagonista.

Undici album, l’ultimo, A different kind of truth, risalente allo scorso 2012 e uno strepitoso live nel 1993, Right here,right now. Una vita piena di successi, raggiunti grazie alla sua tecnica raffinata e allo straordinario virtuosismo, come il celebre assolo contenuto  nel brano di Michael Jackson, Beat it, una perla ancora oggi di rara bellezza stilistica. Nato ad Amsterdam si trasferisce con la famiglia negli Stati Uniti a soli 7 anni, stabilendosi a Pasadena, dove insieme al fratello Alex inizia adinteressarsi alla musica, affascinato dal rock dei Beatles e dei Led Zeppelin.  Nel corso degli anni Eddie dopo aver provato pianoforte e batteria, si concentrerà sulla chitarra mentre il fratello Alex sulla batteria. Ma è solamente a metà degli anni 70 che i due fratelli incontreranno il bassista Michael Antony e il vulcanico cantante David Lee Roth L'esordio avviene nel 1978.. Siamo nel 2013, ma la storia continua...

Eddie Van Halen: Eruption

© Riproduzione Riservata

Commenti