Gianni Poglio

-

Il Rock en Seine e il Cabaret Vert, due importanti festival musicali francesi hanno deciso di cancellare dal loro cartellone le esibizioni della band che stava suonando al Bataclan lo scorso 13 novembre quando un commando di terroristi fece irruzione nel club massacrando 90 persone.

Gli organizzatori hanno dichiarato di essere in totale disaccordo con quanto sostenuto dal vocalist del gruppo.

Dietro la clamorosa decisione, quindi, ci sono proprio le dichiarazioni del cantante, Jesse Hughes:

"ll giorno dopo la strage, allo stadio, i musulmani hanno fischiato il minuto di silenzio... Ho visto musulmani festeggiare in strada durante l'attacco, l'ho visto con i miei occhi, in diretta. Come facevano a sapere quel che stava succedendo? Dev'esserci stato un coordinamento... Se i ragazzi dentro il Bataclan avessero avuto una pistola, oggi sarebbero ancora vivi".

© Riproduzione Riservata

Commenti