Eagles, storia di un mito. In sei cd

Gli anni migliori della band della West Coast in un cofanetto deluxe

Eagles (Getty Images)

Micol De Pas

-

Basta un titolo: Hotel California. E immediatamente il pensiero va a loro, gli Eagles. Quel gruppo rock – malinconico che ha accompagnato intere generazioni, una sorta di colonna sonora che dura da oltre 40 anni. In effetti, gli anni 70 sono punteggiati dai loro successi, come Take it easy, Life in the fast lane, Hollywood Waltz, Victim of Love, Desperado e molte altre canzoni. Con sei Grammy Awards e oltre 120 milioni di copie vendute, i ragazzi di Los Angeles hanno fatto storia. E ora i dischi cult di Glenn Frey, Son Hanley, Bernie Leadon, Randy Meisner e Don Felder tornano in un cofanetto prezioso. È Complete Studio Album 1972-1979, un’edizione limitata che sarà nei negozi dal 26 marzo per Warner Music. Sei gli album rimasterizzati: Eagles (1972), lavoro d’esordio che ha fatto conoscere la band al mondo, trasformandola da subito nel riferimento musicale della West Coast; Desperado (1973) che segna un viraggio verso le sonorità più rock; On the Border (1974) con l’ingresso del chitarrista Don Felder e il brano The best of my love che quell'anno si posiziona al primo posto in classifica. E poi i successivi One of these nights (1975) che segna l’uscita di Leadon, troppo legato alla musica country per restare nel gruppo; Hotel California (1976), per la critica e per il pubblico il capolavoro indiscusso, mentre l’ultimo disco del cofanetto, The long run (1979) segna lo scioglimento della band, che si riunirà poi nel 1994. Un mito, che non smette di stupire. Anche live: attualmente gli Eagles sono in tour negli Stati Uniti.

© Riproduzione Riservata

Commenti