Gabriele Antonucci

-

Il progressive, caratterizzato da raffinati virtuosismi, lunghi brani strumentali, continui cambi di tempo,  arrangiamenti ridondanti e toni epici, è un genere amatissimo dagli intenditori, che si ascolta seduti in religioso silenzio. Atmosfere agli antipodi rispetto all’heavy metal, nel quale ritmi aggressivi e potenti riff di chitarra, rigorosamente amplificate e distorte, trovano la loro dimensione ideale in live dove il pubblico è coinvolto fisicamente dalla musica.

I Dream Theater, alfieri del progressive metal, sono riusciti a coniugare in modo sorprendente  la tecnica sopraffina del progressive con l’energia dell’heavy metal, senza rinunciare a sapienti spuzzate di melodia. Uno stile che divide, ma su un punto, però, sono  tutti d’accordo: è impossibile criticare la band americana dal punto di vista esecutivo.

 La dimensione live conferma lo straordinario virtuosismo del chitarrista John Petrucci, del bassista John Myung, del tastierista Jordan Rudess e del batterista Mike Mangini, tanto che è impossibile notare differenze dal vivo rispetto ai brani incisi in studio di registrazione, mentre la voce del carismatico frontman James LaBrie, dopo i ben noti problemi alle corde vocali, è tornata su ottimi livelli. 

 Dopo i “sold out” degli show che si terranno la prossima settimana a Roma, Padova e Milano, la prog-metal band americana ha già programmato un nuovo tour, che toccherà nuovamente l’Italia per tre date:

3 maggio Roma, Auditorium Parco della Musica
5 maggio Firenze, Teatro Verdi
7 maggio Torino, Auditorium Giovanni Agnelli

Alle ore 10 di venerdì 27 gennaio la prevendita dei biglietti sarà avviata on line sul sito TicketOne.it e tramite Call Center. Alle ore 10 di lunedì 30 gennaio la prevendita dei biglietti sarà avviata anche presso i punti vendita TicketOne.

I Dream Theater suoneranno dal vivo e per intero il loro album di maggior successo Images and Words, oltre a molti altri brani della loro lunga carriera, in uno show di quasi tre ore all'insegna dell'energia coniugata al virtuosismo.

© Riproduzione Riservata

Commenti