Musica

David Bowie, Stage: un live bellissimo e sottovalutato da riscoprire in vinile

I suoni e le canzoni dell'era berlinese del Duca Bianco in un triplo 33 giri di musica straordinaria. Da riascoltare senza se e senza ma...

79e003a51569e9e68e07c68df5ddd32b

Gianni Poglio

-

Pubblicato nel 1978 e registrato a Philadelphia, Boston e Providence, Stage è indubbiamente uno degli album più belli e sottovalutati di David Bowie. Se il primo leggendario David live, del 1974, era la fotografia di un artista geniale a metà strada tra glam rock e soul music, Stage racconta un'altra parte della storia, quella della leggendaria trilogia berlinese composta da dischi epici come Station to station, Low e Heroes

Dietro questi brani ci sono il producer Tony Visconti e Brian Eno, le sue visioni e i suoi sintetizzatori. Come nell'iniziale Warszawa, un capolavoro strumentale dark e plumbeo, che apre il concerto seguita da una versione intensa ed emozionante di Heroes. Strumentali ed in linea con le sonorità avantgarde-rock contaminate dall'elettronica di quel periodo sono Speed of life, Sense of Doubt e Art Decade. 

Il triplo vinile ha un sound eccellente ed esalta l'impatto live di una band composta da musicisti eccezionali: Carlos Alomar, George Murray, Dennis Davis, Adrian Belew, prima nei King Crimosn e poi nei Talking Heads, Simon House al violino, Sean Mayes, piano e backing vocals e Roger Powel ai synth. Tutti abilissimi nel riprodurre sul palco le atmosfere e i complessi effetti sonori presenti nelle versioni in studio. 

Tra le perle del disco, Fame (il capolavoro funky oriented scritto con John Lennon e Carlos Alomar), Station to Station, TVC 15 e Breaking Glass

Funzionano il remake di Alabama Song (interpretata anche dai Doors, ma messa in musica per la prima volta da Kurt Weill) e l'omaggio all'era di Ziggy Stardust con una cinquina spettacolare che, oltre alla title track, include Hang On to Yourself, Five Years, Soul Love e Star.

In definitiva, un album essenziale nella discografia del Duca Bianco, uno dei momenti più alti della sua parabola. Da riascoltare assolutamente, meglio se in vinile. Anche per gustarsi la splendida copertina e le note interne all'album.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lou Reed, Perfect night: live in London: la bellezza dell'ascolto in vinile

La leggendaria performance del 1997 al Meltdown Festival in un doppio 33 giri. Che suona straordinariamente bene...

Jimi Hendrix, Electric Ladyland: il piacere di riascoltarlo in vinile

Ecco come suona a 33 giri lo storico ultimo album della Jimi Hendrix Experience, il disco di Crosstown Traffic e Voodoo Chile...

Michael Kiwanuka, Love & Hate, un gioiello soul da ascoltare in vinile

Dieci brani in due lp per gustare la grande bellezza di uno dei dischi più ispirati degli ultimi dieci anni

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965