Sono trascorsi sei mesi da quel maledetto 10 gennaio che ha strappato alla vita terrena David Bowie, due giorni dopo l’uscita dell’ultimo capolavoro Blackstar. Dopo la sua scomparsa in molti si sono accostati per la prima volta alla musica del Duca Bianco, altri si sono riavvicinati ai suoi album e praticamente tutti sono stati concordi nel riconoscere l’impatto che ha avuto l’artista inglese nell’evoluzione del rock e nel rapporto sempre più stretto tra la musica “leggera” e le altre arti.

Per celebrare il genio di uno degli artisti più amati di sempre, quella dall’11 al 17 luglio sarà una settimana di iniziative ed eventi dedicati a Bowie che permetterà a tutti i fan italiani di ritrovarsi e di rendere omaggio alla sua memoria.

L’Omaggio a Bowie prende il via con il ritorno al cinema dall’11 al 13 luglio (elenco delle sale su www.nexodigital.it) di David Bowie is, il documentario sulla mostra evento del Victoria & Albert Museum che rivedremo finalmente sul grande schermo.

Si prosegue poi il 14 luglio, quando la mostra David Bowie is del V&A inaugurerà al MAMbo di Bologna la sua unica tappa italiana e l'ultima tappa europea. Intanto sui social prende il via l’iniziativa #OmaggioABowie che invita tutti i fan del Duca Bianco a raccontare il proprio legame con l’artista attraverso un’immagine o un testo di omaggio. I pensieri più originali saranno pubblicati e condivisi sulle pagine social ufficiali dell’evento.

L’esposizione David Bowie is –visitabile fino al 13 novembre 2016 nelle sale del MAMbo di Bologna – insieme al catalogo edito in Italia da Rizzoli - celebrano la prodigiosa carriera di David Bowie e la sua inesauribile capacità di reinventarsi senza mai tradire se stesso e il suo pubblico.

Il percorso si articola attorno a una serie di contenuti “multimediali” che permettono al visitatore di rivivere il processo creativo di Bowie e di capire con quale cura e studio il suo lavoro fosse capace di rielaborare la lezione dei protagonisti del teatro, della danza, dell’arte figurativa del Novecento, facendo confluire nelle sue canzoni ed esibizioni correnti e tendenze di discipline confinanti - come l’arte orientale, la fantascienza, la cabala, la danza, la moda. Il ritratto che ne emerge è quello di un artista che ha condizionato l’estetica e il gusto di varie decadi del secolo scorso, anticipando visioni della società contemporanea con uno sguardo originale e indelebile, che influenza la nostra cultura visiva e pop. 

Visitare David Bowie Is è un’esperienza unica e immersiva: un viaggio nel tempo e nello spazio, fra trasformazioni e personaggi, eccentrici costumi di scena indossati da manichini con le sue sembianze e una colonna sonora di canzoni leggendarie: 300 pezzi che includono filmati, fotografie, manoscritti e lettere, storyboard per i video, bozzetti di costumi e scenografie.

Nel film documentario con lo stesso titolo veniamo accompagnati nell’allestimento del V&A  da guide molto speciali, tra cui il leggendario stilista giapponese Kansai Yamamoto e il front-man dei Pulp Jarvis Cocker, che ci fanno scoprire le storie dietro ad alcuni dei migliori pezzi esposti. I curatori Victoria Broackes e Geoffrey Marsh del Dipartimento di Teatro & Performance V & A hanno dichiarato: "Siamo felici che questa mostra straordinaria viaggi per il mondo, che le persone possano immergersi nel tour cinematografico dell’esposizione di Londra. Il film offre affascinanti dettagli sugli oggetti chiave del David Bowie Archive, commenti di ospiti speciali e naturalmente… una fantastica colonna sonora! ".

Conservando il biglietto del cinema e presentandolo alla biglietteria del MAMbo o in uno dei punti vendita Vivaticket gli spettatori avranno la possibilità di acquistare un biglietto di ingresso alla mostra al costo ridotto di 13€ ed il giovedì con apertura serale a 10 €. Allo stesso modo, presentando la prenotazione della mostra alle biglietterie delle sale cinematografiche che aderiranno alla promozione, si potrà acquistare il biglietto del film a prezzo ridotto.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti