Gabriele Antonucci

-

Essere figli d’arte di un'icona della musica contemporanea è un fardello molto pesante, se non si hanno spalle forti e un proprio, originale talento. Lo dimostrano i numerosi artisti che non sono riusciti ad affrancarsi da un cognome importante.

Non è questo il caso di Damian Marley, soprannominato Junior Gong, figlio minore dell’indimenticabile Bob e dell’ex modella Cindy Breakspeare, vincitrice di Miss Mondo nel 1976, che, dopo il successo della scorsa estate, tornerà ad esibirsi in Italia per quattro date: 22 giugno Sesto San Giovanni (Mi), Carroponte; 23 giugno Roma, Ippodromo delle Capannelle - Postepay Sound Rock In Roma; 24 giugno Gallipoli (Lecce), Parco Gondar; 25 giugno Bologna, Estragon.

Alle ore 10 di mercoledì 1 marzo la prevendita dei biglietti sarà avviata on line sul sito TicketOne.it e tramite Call Center. Alle ore 10 di venerdì 3 marzo la prevendita dei biglietti sarà avviata anche presso i punti vendita TicketOne.

 -LEGGI ANCHE Bob Marley: 10 cose che forse non sapete

Damien, a differenza dei suoi fratelli, non ha scimmiottato lo stile del padre, ma ne ha creato uno tutto suo. In Welcome to Jamrock, il suo album migliore che ha conquistato due Grammy Awards nelle categorie Best Reggae Album e Best Urban/Alternative performance, sono evidenti le influenze della musica hip hop, soprattutto in brani come The master has come back e Road to Zion, impreziosita da un cameo di Nas, leader indiscusso del rap East Coast. In Beautiful il reggae si unisce al soul di Bobby Brown, mentre in Move e Pimpers paradise, alla quale partecipano il fratello Stephen e Black Tought dei The Roots,  si nota qualche riferimento alla musica di Bob Marley.

Un successo che ha attirato l’attenzione perfino di Bono Vox, che ha chiamato il minore dei fratelli Marley ad aprire nel 2005 le date del tour americano degli U2.

Nel 2010 Marley ha pubblicato l'album Distant Relatives, in collaborazione con il rapper Nas, straordinaria commistione di reggae  e conscious rap, mentre nel 2012 ha duettato con Bruno Mars nell’accattivante Liquor Store Blues, uno dei brani migliori del disco Doo-Wops & Hooligans.

 A breve è atteso il nuovo album Stony Hill, i cui brani verranno presentati dal vivo nel tour estivo.

© Riproduzione Riservata

Commenti