Musica

Cloud, l'artista senza volto: "Scelgo l'anonimato in un mondo di apparenza"

Un testo per Panorama.it dall'autore di Crazy Over You, un musicista che ha scelto di non svelare la sua vera identità

Schermata 2019-03-25 alle 11.07.48

di Cloud

L’anonimato in un mondo di apparenza. Ogni volta che si crea una tendenza se ne crea sempre una uguale e contraria. No, non è una legge fisica è semplicemente il comportamento dell’essere umano, identificarsi in “qualcosa” o nel suo contrario.

In un momento in cui un cantante è più attento a mettere in primo piano look, cibo, vacanze e featuring pazzeschi, l’antitesi meno trendy può essere altrettanto utile. Del resto di questi tempi non si può essere degli ottimi dj\producer senza mettere un casco in testa.

A questo punto potrebbe venire semplice la conclusione: quindi Cloud per essere di moda sceglie di essere “l’antimoda”, tanto il risultato è lo stesso? Qualche addetto ai lavori lo ha già tempestivamente puntualizzato, in realtà l’anonimato iniziale è funzionale all’impossibilità di vivere senza musica in un ambiente spesso difficile, quindi chi ha più intelligenza la usi e magari sarà divertente ascoltare, insieme a chi ti ha sempre osteggiato, la tua canzone che passa alla radio, dove dicevano non saresti mai arrivato, senza sapere che l’autore è proprio lì accanto a te.

Un po’ come parlare con Bruce Wayne senza sapere che invece stai parlando con Batman. Lasciamo che la musica parli prima di tutto. Che musica? Pop, ovviamente, e non nell’accezione superficiale del termine, anche i Beatles erano “pop” ma qualcuno oserebbe criticarli? Se si scrive una canzone è ovvio che si voglia farla arrivare a più persone possibili parlando un linguaggio semplice e universale, una canzone che possa consolare nella tristezza e amplificare la felicità, una da ascoltare davanti a un tramonto, una prima di entrare in un club, una da suonarci sopra la chitarra o una da ballare, un suono in cui ognuno possa ritrovarsi.

In Cloud tutte le influenze e i gusti sono memorizzati e si fondono nelle chitarre indie e i synth dance di Crazy Over You, il singolo che ha segnato il debutto di questo progetto. Influenze house degli anni 2000, pianoforti malinconici, inni da stadio e tanto altro stanno per arrivare… senza abiti di scena, solo musica.

All the things you are they’ll never take them away from you

© Riproduzione Riservata

Commenti