Matteo Politanò

-

Nuovi guai per Chris Brown, il cantante americano nato a Tappahannock che nel 2009 fu denunciato dall'ex fidanzata Rihanna per maltrattamenti e violenze. Il caso fece scalpore soprattutto dopo le foto diffuse dalla cantante con lesioni lacerocontuse al viso e al corpo. Ieri Brown è stato arrestato nella sua casa del quartiere Tarzana, Los Angeles, dopo la telefonata al 911 di una donna che si trovava nella sua abitazione e un assedio in diretta tv. 

967301

Secondo quanto ricostruito dalla polizia una donna non identificata che era ospite in casa sua ha chiamato la polizia affermando di essere stata minacciata con una pistola. Il 27enne ha negato tutto e dichiarato su Instagram, di aver scoperto al risveglio i poliziotti intorno alla casa: "Quando avrete il mandato per tutto quello che dovete fare entrerete qui dentro e non troverete niente, siete degli idioti" ha pubblicato Brown sul suo social.

Secondo il sito TMZ.com la polizia avrebbe poi recuperato nella casa di Brown una pistola, altre armi e anche della droga. L'episodio è solo l'ultimo di una lunga serie di violenze che hanno visto Chris Brown come protagonista. Dopo l'aggressione a Rihanna nel 2013 il cantante fu anche protagonista di una rissa fuori da un locale di Washington e passò una notte in prigione. Nel 2014 fu poi nuovamente arrestato per violazione della libertà vigilata. 

© Riproduzione Riservata

Commenti