Musica

Charlie Charles e il suo trap da 32 milioni di clic

Identikit di un giovane producer di successo. Il suo ultimo lavoro, il nuovo album del rapper di origini tunisine Ghali, Pizza Kebab

Charlie-charles

Chiara Degl'Innocenti

-

Se si parla del producer King of Trap il nome che salta fuori è quello di Charlie Charles, al momento uno dei più richiesti. Uno forte, uno da oltre 32 milioni di clic.

Si chiama Paolo Monachetti e nel suo genere è un talento. A soli 22 anni ha stravolto lo scenario musicale nostrano sperimentando in Italia un'idea che unisce il rap a più realtà musicali straniere che vanno dagli Usa al Regno Unito. E dire che da adolescente ascoltava tutt'altri generi, come techno e pezzi elettronici.

Così il rap del Bel Paese è cambiato portando la sua firma in gran parte dei brani oggi ascoltati. Melodie che Charlie produce nel suo studio nel milanese.

Il primo a notare il suo estro è Marracash, pseudonimo di Fabio Bartolo Rizzo, anche lui rapper e produttore discografico italiano, oltre che membro della crew Dogo Gang. Poi se ne sono accorti anche gli altri. Gruppi di successo come Maruego, Ghali Foh e Sfera Ebbasta. Con quest'ultimo, numero uno che racconta le vite dei ragazzi di periferia, Charlie suggella le sue capacità musicali creando Emergenza Mixtape e XDVR (Per davvero), il cui secondo album arriva al disco d'oro.

Super lavoro per il 22enne che ogni mese riceve migliaia di basi inviate da giovani come lui al suo studio di Seguro con la speranza di essere scoperti, di trovare uno spazio, di sfondare in quel mondo.

Lo sa bene Ghali, il rapper di origini tunisine che ha pubblicato proprio oggi (3 febbraio) il nuovo singolo Pizza Kebabprodotto proprio da Charlie Charles dopo i trionfi di Ninna Nanna (che è arrivata a toccare gli oltre 32 milioni di clic) e Wily Wily (a quasi 15 milioni). 

Ora si attende solo che anche questa ultima produzione affolli le playlist di smartphone e tablet, rimbombi dai finestrini delle auto, diventi virale in rete.


























 


© Riproduzione Riservata

Commenti