Musica

Cassandra Raffaele arriva a Milano con "Chagall"

Questa sera la cantautrice siciliana (che ha partecipato a X Factor 2010) canterà all'Arci Ohibò e presenterà i brani del suo ultimo disco

Cassandra Raffaele

Giovanni Ferrari

-

Era in squadra con Elio quando, nel 2010, ha partecipato a X Factor. Un'ottima opportunità per Cassandra Raffaele che, da allora, di strada ne ha fatta parecchia.

Il suo primo singolo, Cipria e rossetto (prodotto da Mara Maionchi e Alberto Salerno) è andato molto bene in radio, nel 2012 ha vinto il premio della critica al Premio Bianca D'aponte ed è stata finalista del premio Bindi e del Premio Fabrizio De André 2013. Ma non è tutto: nel 2013 vince Musicultura, nel 2014 il premio Ninfa D'Argento e quest'anno il Premio Musica e Cultura. Ora Cassandra Raffaele è tornata con il suo secondo album di inediti, "Chagall", distribuito da Sony Music


È infatti in corso una tournée che - dopo i successi di Ragusa, Roma e Firenze - vedrà la cantautrice esibirsi questa sera, giovedì 10 dicembre, all'Arci Ohibò di Milano (via Benaco, 1 - apertura porte ore 21.30, ingresso con tessera Arci + contributo artistico 5,00 €). L'apertura del live è affidata a Sara Velardo (di cui abbiamo parlato qui)

Cassandra Raffaele è una di quelle artiste che vivono la musica come costruzione, dettaglio: è produttrice, arrangiatrice, suona chitarra, ukulele, batteria, basso e tastiere/synt. Come ha raccontato: "Dicono che i talent sfornino musica da karaoke, che le cantautrici siano noiose. Io ho fatto un talent e sono una donna cantautrice. Con un synt e una chitarra distorta nel mio show elettrico combatto questi pregiudizi, usando la mia ironia e tanta leggerezza. Con Chagall mi sono spesa tanto: ho fatto scelte, gioito, "sclerato", fatto nottate, albe. Ma rifarei tutto. Produrre un album per me significa darsi totalmente alla musica. E quando ti doni, come nell’amore, devi fidarti di quello che sei e fai. Non è per niente facile. È una sfida continua alla propria debolezza e fragilità".


E del tour racconta: "Le prime date del tour sono state elettrizzanti. Nessuno si aspettava un debutto così adrenalinico e coinvolgente. Di solito ci arrivi dopo un certo numero di date. Ed è stato così come lo immaginavo: pieno di colore ed elettricità. Comincio a vibrare pensando alla data di Milano e alla gente che mi vedrà per la prima volta. Con la mia band offriremo a tutti un grande show". Non ci resta quindi che andare ad ascoltarla questa sera, e restare colpiti dalla sua musica. 

© Riproduzione Riservata

Commenti